Organizza uno swap party con le amiche!

a cura di Giovanna Manna
data pubblicazione 24 mar 2012 alle ore 8:30am


E’ arrivata la Primavera e, con il cambio di stagione degli abiti, ci troviamo davanti al nostro guardaroba con un grande punto interrogativo su alcuni abiti ed accessori indossati poco se non addirittura nuovi. Quante cose possono cambiare in un anno!

Un classico. Possiamo esserci dimagrite, o ingrassate o aver cambiato completamente stile. Allora in questi casi, per farci spazio nell’armadio eliminando in modo intelligente ciò che non ci interessa, può essere un’idea organizzare uno swap party con le amiche.

In una tendenza sempre più forte verso un’ottica di riciclo, contro gli sprechi ed il consumismo smodato, ormai è sempre più di moda incontrarsi e scambiarsi vestiti, borse ed accessori con le altre donne. Dai salotti bon ton dove girano pezzi dei grandi brands, fino al salotto di casa nostra, perché no? E’ anche molto divertente. All’estero non è una novità, soprattutto negli U.S.A. Ora pure in Italia lo swapping si sta diffondendo nei salotti di scambio reali e virtuali. A Bologna, ad esempio, è nata la più grande social community: Swap Club Italia Swapclub.it

A Roma, domenica 1 aprile 2012 al Circolo degli Illuminati a Via Libetta, si terrà lo swap party & experience market: un vero e proprio mercatino dell’usato, del modernariato, dell’artigianato creativo e dell’oggetto riciclato, dove scovare qualcosa che ci piace e scambiarlo con quello che non usiamo più.

Vediamo adesso qualche dritta per organizzare al meglio la nostra “festa del baratto” a casa, ma dire swap party è molto più glamour! E’ comunque un evento che va ben pianificato per avere successo.

1) Svuotare l’armadio e iniziare a selezionare il guardaroba con criterio: cosa vogliamo tenere?
Dopo aver pulito cassetti e spazi, rimettiamo a posto ciò che vogliamo ancora indossare. Tutto ciò che rimane fuori, sul letto o sulle sedie, sarà materiale di scambio.
2) Avere degli stendini appositi come quelli dei negozi, smontabili in metallo, sarebbe il massimo. In mancanza di questi, che comunque possiamo comprare nei grandi magazzini o noleggiare, possiamo utilizzare anche lo stendino per i panni, o appendere gli oggetti sulle stampelle ed esporli nel modo più creativo.
3) Dividere le cose per tipologia: gonne da una parte, abiti lunghi e corti in uno stendino, tailleur e camicie in un altro. E poi ancora, per gradazione di colore o stile. Questo lo vedrete voi, a seconda di cosa avete a disposizione. Potete anche divertirvi a proporre abbinamenti, come fanno i visual nelle vetrine.
4) Scegliamo un angolo o una stanza della casa da adibire all’esposizione e allestiamola apposta, facendo spazio per gli stendini con gli abiti appesi ed anche per le cose che porteranno le nostre ospiti. Poi sulle sedie e sui ripiani dei mobili metteremo le scarpe, le borse, le magliette impilate e così via.Per i bijoux e le cinture possiamo prendere un pannello di compensato, dipingerlo e mettere dei gancetti dove mettere i nostri piccoli accessori usati o le nostre creazioni fatte a mano.
5) Fissiamo data e ora e facciamo una lista delle persone che potrebbero essere interessate. La domenica nel tardo pomeriggio sera è sempre la scelta più comoda.A seconda dello spazio che abbiamo in casa, possiamo poi decidere di estendere o no l’invito alle amiche delle amiche.
Avvisiamo le persone con almeno 2 settimane di anticipo, in modo che si possano organizzare, chiedendo un ulteriore conferma di partecipazione almeno due giorni prima.
6) Possiamo anche decidere che finiti gli scambi, si possa passare all’acquisto di ciò che rimane e mettere il ricavato in un fondo comune, da dare magari in beneficenza.
7) Prepariamo degli spuntini e degli aperitivi per accogliere al meglio le nostre amiche.
Eccoci pronte al nostro appuntamento da salotto, proprio come le dame ottocentesche!
Torneremo a casa contente e con qualche ottima occasione, tutta da indossare.

di Paola Pegolo

1 Commento

  1. Rodolfo Due'

    Giovedì 29 marzo dalle  19,00 c’è uno swap party a Bologna.

Lascia un commento