Oms, oggi ancora 2 miliardi di persone bevono acqua contaminata

a cura di Giovanna Manna
data pubblicazione 19 apr 2017 alle ore 6:03am

acqua-contaminata
Sarebbero circa due miliardi le persone che bevono quotidianamente acqua contaminata. A renderlo noto con uno studio chiamato “GLAAS 2017″ è l’OMS.

Secondo i dati raccolti infatti, ogni giorno, centinaia di migliaia di persone perderebbero la vita a causa dell’acqua contaminata.

“L’acqua potabile contaminata causa più di 500.000 morti per diarrea ogni anno ed è un fattore importante di rischio per molte malattie tropicali trascurate, tra cui vermi intestinali, schistosomiasi e tracoma”, spiega Maria Neira, direttore del Dipartimento di Sanità Pubblica dell’OMS. Secondo il rapporto GLAAS 2017, realizzato da UN-Water, negli ultimi tre anni i paesi hanno aumentato i loro budget per l’acqua e i servizi igienici ad un tasso medio annuo del 4,9%. Ma l’80% dei paesi riconosce che il proprio finanziamento non è ancora sufficiente per soddisfare gli obiettivi, fissati a livello nazionale, al fine di aumentare l’accesso all’acqua potabile e ai servizi igienici. L’obiettivo globale, mette in guardia l’Oms, “non sarà raggiunto a meno che non siano prese misure per utilizzare le risorse finanziarie in modo più efficiente e aumentare gli sforzi per identificare nuove fonti di finanziamento”.

Guy Ryder, presidente di Un-Water e capo dell’International Labour Organization, sostiene che: “Maggiori investimenti su acqua e servizi igienici possono produrre notevoli benefici per la salute e lo sviluppo umano, creare occupazione e fare in modo di non lasciare nessuno indietro”.

Sono in corso, per questo, diverse ricerche per trovare vie alternative, come ad esempio ottenere più acqua potabile ”setacciando” il mare.

Tant’è che l’autunno scorso un gruppo di ricerca del Politecnico di Torino, insieme a al MIT e all’University of Minnesota hanno rivelato di aver trovato un modo molto efficace ed economico per dissalare l’acqua del mare.

Lascia un commento