Treviso, infermiera sotto accusa, fingeva di vaccinare

a cura di Giovanna Manna
data pubblicazione 20 Apr 2017 alle ore 10:00am

vaccinazioni

Un’infermiera di Treviso è al centro di un procedimento disciplinare dell’Asl 2 perché sospettata di aver solo finto di vaccinare molti dei bambini portati nel suo ambulatorio.

La donna, si sospetta che abbia buttato via le fiale dopo aver registrato le prestazioni.

I colleghi si sono insospettiti, perché tutti i neonati e bambini ai quali somministrava il vaccino durante l’iniezione non piangevano mai.

Il caso era stato segnalato lo scorso giugno 2016 a Nas e Procura. Ma a marzo 2017 il gip, su richiesta del pm, aveva archiviato il caso.

Ora l’Asl, ritenendo si configuri “una grave violazione dei doveri professionali”, ha avviato una campagna di richiamo su 500 pazienti (bimbi e adulti), fissando delle giornata vaccinali straordinarie mirate alla prevenzione di diverse patologie il 24 e 28 aprile e il 2 e 6 maggio.

La Procura di Treviso, intanto, sulle base di altri elementi raccolti, grazie ad un’indagine interna condotta dsll’Asl, sta valutando la possibilità di riaprire il fascicolo.