Boom in Italia per la marijuana legale: “Un ordine ogni 30 secondi”

a cura di Giovanna Manna
data pubblicazione 14 Giu 2017 alle ore 9:45am

In meno di un mese, la marijuana legale, quella che “si fuma ma non sballa”, ha fatto il suo boom anche in Italia.

“Appena entrati in commercio avevamo un ordine ogni 30 secondi. Siamo stati costretti a chiudere la vendita online. Ci sono state resse negli shop, con anche mille persone all’ora. In un negozio abbiamo dovuto mettere le transenne. Adesso è il momento di strutturarci”.

A parlare è Luca Marola, fra gli ideatori di Easy Joint – l’azienda che vende l’erba Eletta Campana, varietà italiana con il THC (tetraidrocannabinolo, principio psicoattivo della marijuana) inferiore allo 0,6 per cento, il limite di legge consentito – racconta quello che è accaduto le prime ore dopo il lancio .

“Da quando abbiamo presentato il prodotto alla Fiera di Bologna –
dice Marola – l’interesse è stato altissimo. Vogliamo ricordare che questa non è la marijuana per come la si intende di solito, ma è un’erba che ha bassissimo Thc e fino al 4% di cannabidiolo (CBD), ovvero il principio contenuto nella cannabis che non ha effetti psicoattivi, ma soltanto sedativi. Così, tra curiosi, appassionati, persone che volevano provare l’erba per problemi di ansia, insonnia, dolori mestruali e altro si è sparsa la voce e sono arrivati i primi ordini. Ad oggi già 85 negozi in tutta Italia la stanno vendendo e le richieste sono così elevate che abbiamo dovuto costituire una società, assumere dei dipendenti e bloccare la vendita online perché non riuscivamo a gestirla”.

Questa “cannabis tecnica italiana” viene venduta in vasetti da 8-10 grammi a un prezzo di 17 euro e ha un valore sociale, sostiene Marola.

“Il nostro è un esperimento che potrebbe aprire gli occhi: ecco come potrebbe essere la legalizzazione in Italia. Non ci importa tanto il commercio, ma far capire cosa si potrebbe fare in questo Paese, così come già avvenuto in America e molte altre zone del mondo. Ma la politica, invece di interessarsi, dorme sull’iter di legge per la legalizzazione”