Come fare per abbronzarsi più velocemente ma senza correre rischi. Ecco alcuni consigli

a cura di Giovanna Manna
data pubblicazione 16 Giu 2017 alle ore 7:17am

Se volete abbronzarvi più velocemente basta seguire questi 5, semplici accorgimenti. Vediamoli uno ad uno per scongiurare possibili fastidi, a volte anche molto dannosi, quali macchie cutanee, melanomi scottature, eritemi e chi più ne ha più ne metta, causati dai raggi UVA e UVB.

1. PREPARATE LA PELLE AL SOLE
E’ di vitale importanza mantenere la pelle del corpo pulita e idratata facendo uno scrub almeno una volta a settimana. Vi aiuterà a rimuovere le cellule morte. In questo modo l’abbronzatura risulterà più uniforme e il suo colorito durerà più a lungo.

2. MANGIATE ALIMENTI RICCHI DI VITAMINE E SALI MINERALI
L’alimentazione, meglio se ricca di cibi che aiutano a stimolare la melatonina. Sì dunque a frutta e verdura a volontà, ricche di vitamina A, C ed E: melone, ciliegie, fragole, albicocche, pesche, banane, prezzemolo, rucola, spinaci, broccoli e zucchine, carote che sono ricche di beta-carotene, sostanza dalla quale dipende molto il colore della nostra pelle e anche l’abbronzatura. Il consiglio è di mangiarne sei al giorno o di bere due bicchieri di succo. E ancora, frutti di mare.

3. PRENDERE IL SOLE VICINO ALL’ACQUA
Sdraiatevi a bordo piscina o in riva al mare, aiuta a velocizzare i tempi di abbronzatura. L’acqua riflette i raggi solari e raddoppia la propria intensità.

4. SCEGLIETE L’ORARIO GIUSTO PER ESPORVI AL SOLE
Evitate l’esposizione solare nelle ore più calde della giornata, dalle ore 10 alle ore 16. Ma se proprio non ne potete farne a meno, bagnatevi con frequenza, adoperate occhiali e cappello per proteggere il contorno occhi e il resto del viso, e adoperate un fattore protettivo molto alto, a seconda della vostra pelle. Vi abbronzerete lo stesso ma senza fare danni.

5. IDRATAZIONE
Bevete molto, sia che siate al mare, in montagna che in piscina. Più del solito. Applicate quando tornate a casa un buon doposole o crema idratante, nutritiva, lenitiva, e protettiva, che eviti l’antiestetica spellatura.