Sclerosi Multipla, da un batterio intestinale presto una terapia per curarla

a cura di Giovanna Manna
data pubblicazione 10 Ago 2017 alle ore 6:00am

Un batterio intestinale potrebbe diventare una nuova arma contro la sclerosi multipla ed altre malattie autoimmuni. A rivelarlo i ricercatori della Mayo Clinic, insieme ai colleghi dell’università dell’Iowa, in uno studio pubblicato su ‘Cell Reports’. Uno studio importante, che ha portato gli autori a coniare il termine ‘brug’, dall’unione delle parole inglesi ‘bug’ e ‘drug’, appunto batteri usati come farmaci.

L’equipe ha testato infatti campioni di flora batterica prelevati da pazienti su un modello animale, topi fatti ammalare di sclerosi multipla. Delle tre specie di microbi analizzate, la Prevotella histicola è riuscita a sopprimere la malattia nei roditori.

“Un risultato ancora preliminare – precisa Joseph Murray, gastroenterologo della Mayo Clinic – ma che spiana la strada ad altri studi. Se riusciamo a usare i batteri già presenti nel nostro organismo per trattare malattie che non riguardano solo l’intestino, potremmo essere entrati in una nuova era della medicina”. Una frontiera riassunta dal neologismo ‘brug’.