casa

Come pulire bene la doccia: trucchi e consigli

Pubblicato il 27 nov 2016 alle 5:15am

Per eliminare i depositi di calcare e sapone del box doccia di casa è consigliabile lavare sempre le pareti a fondo con un panno-spugna e un detergente specifico. Successivamente asciugare bene con un panno in microfibra o cotone. (altro…)

Natale, consigli e idee per decorazioni e addobbi fai da te

Pubblicato il 26 nov 2016 alle 8:44am

Il Natale è ormai alle porte e se volete puntare su qualcosa di creativo realizzato direttamente con le vostre mani, ecco alcune idee di decorazioni natalizie per voi.

Come prima cosa dovete pensare all’atmosfera che volete creare a casa vostra. Prediligete colori che si accostano bene all’arredo e ai tessuti della casa. Materiali facilmente reperibili come legno, lana, vetro, fiocchi di organza, spago, ecc.

Materiali che rispecchiano anche la vostra personalità e quella dei vostri familiari.

Ecco alcune idee.

Come ve la cavate con i lavoretti handmade? A volte basta poco per realizzare decorazioni natalizie fai da te, con materiali di riuso o acquistabili nei negozi di bricolage.Ad esempio un semplice bicchiere in vetro, potete trasformarlo in una graziosa creazione, un porta candela natalizio.

Un bel piatto che non usate più, puo’ diventare un bellissimo centrotavola con pigne e rametti di pino o agrifoglio.

I vasetti di vetro possono divenire delle caratteristiche lanternine, decorandole con fili di rafia, nastri o foglie autunnali che potranno impreziosire la vostra zona living, la cucina o la mensola o addirittura il davanzale della finestra.

E per realizzare un albero ecologico?

Semplice, vi basterà procurarvi un vaso dorato al quale potrete fissare un bastoncino di legno e tanti foglietti di dimensioni diverse. Il più grande in basso e via via che vi avvicinerete alle fine sempre più piccoli: un abete di carta minimal!

Potrete aggiungere qualche pigna e il vostro angolino natalizio sarà pronto e delizioso!

Oppure se avete in casa del legno potrete inchiodare delle tavole di dimensione diversa (sempre la più grande in basso e la più piccola in alto) su una base grezza: ecco che avrete realizzato un albero di Natale, molto originale, da appendere!

O ancora, se avete dei ramoscelli di albero o di pino, presi in giardino, potrete sbizzarrirti con tutta la vostra fantasia!

Vi basterà scegliere come addobbarlo, c’è veramente l’imbarazzo della scelta. Da pigne a fiori secchi, bacche rosse, passando per tappi di bottiglie, nastri argentati e dorati, lana, raffia, organza, fiori finti, o palline realizzate ad uncinetto rivestendo delle palline da ping pong.

Altra idea molto originale, potrebbe essere quella di realizzare un albero di natale con i libri che avete in casa, o due librerie piccole bianche messe di traverso, o addirittura due scale. E sopra, farci passare ghirlande, stelle, o altro a vostro piacimento, come cuori o animaletti realizzati con il feltro, facile da tagliare e cucire. Basterà disegnare le forme che preferite (stelle, cuori, animaletti) e cucirle insieme con una piccola imbottitura di cotone.

Se poi avete dei bottoni che vi avanzano potrete sempre appenderli sul vostro alberello di natale, acquistato o realizzato da voi.

Lo stesso vale anche per il presepe. Potete realizzarlo in legno, feltro, sughero, o addirittura sassi dipinti a mano, che rappresentano la natività del Signore.

Infine se volete realizzare una ghirlanda di Natale, da appendere fuori al portone o porta di casa, potete trovare in un negozio la base già pronta per essere decorata in plastica, polistirolo o legno nei negozi di bricolage.

Oppure, potete realizzare la base con fil di ferro o rami flessibili (i migliori sono quelli di salice o pioppo) da legare saldamente insieme. Per le decorazioni non c’è limite alla fantasia: pigne, rami di pino, frutta essiccata o spezie. Oppure decorazioni dell’albero di Natale, riassemblate in modo originale.

I colori classici del Natale sono naturalmente il rosso e il verde. Ma molto di moda sono anche l’oro, l’argento e il bianco.

E se preferite acquistare decorazioni già pronte ma desideri spendere poco il consiglio è quello di recarvi da rivenditori come Ikea e Leroy Merlin, c’è veramente l’imbarazzo della scelta. Oppure potete sempre visitare qualche mercatino di Natale sotto casa o le offerte che arrivano dai vari centri commerciali.

“Start – La vita a portata di app”, come coltivare un orto sul tetto? Lo scopriremo questa notte su Rai2

Pubblicato il 27 apr 2016 alle 9:29am

Nella puntata di “Start! – La vita a portata di app” che andrà in onda questa notte di mercoledì 27 aprile, ore 24:15 su Rai2 Federico Russo sarà impegnato in una nuova veste, quella ecologista. Federico ha letto un libro che lo ha totalmente cambiato, “Siddharta” di Herman Hesse, che lo ha trasformato in un ragazzo che vive rispettando e amando visceralmente la natura e tutte le sue creature. Vivere in una città invasa dal cemento è troppo per lui per cui va in cerca del verde ovunque esso sia. Ma come trovare un po’ di natura in città? Come al solito grazie alla rete.

Federico e Francesco scopriranno Ortialti (www.ortialti.com/), la startup capace di trasformare in orti i tetti piani dei palazzi. Federico e Francesco avranno un pezzetto di terra da coltivare su un tetto.

Federico vorrebbe arare la terra con le mani, mentre Francesco preferirebbe una motozappa. Si accorderanno per normali rastrelli e vanghe, ma come come faranno a trovare gli attrezzi senza pesare sull’ecosistema?

Semplice, la soluzione la fornirà Reoose (reoose.com) eco-store del riutilizzo e del baratto. L’orto sul tetto sarà subito pronto, zappato, seminato e innaffiato. Non resterà loro che attendere che spuntino gli ortaggi. Federico si renderà ben presto conto, però, che non potrà resistere alla fame pungente attendendo di sfamarsi con ciò che crescerà nell’orto. Allora la risposta la troverà a portata di un click: su Last Minute sotto casa (www.lastminutesottocasa.it), il portale che permetterà ai negozianti di mettere in vendita a prezzi convenienti cibi che altrimenti verrebbero buttati.

Agenzia delle Entrate: vasca e doccia non scaricabili, sì per la caldaia

Pubblicato il 07 mar 2016 alle 7:00am

Con uan circolare l’Agenzia delle Entrate chiarisce che i contribuenti che vogliono sostituire la caldaia possono accedere al bonus arredi legato a lavori di ristrutturazione poiché l’intervento è diretto a sostituire una componente essenziale dell’impianto di riscaldamento e quindi è considerato come una “manutenzione straordinaria”. (altro…)

Come affilare in casa i coltelli da cucina

Pubblicato il 10 gen 2016 alle 5:14am

Capita spesso di avere in casa coltelli della cucina che non tagliano. La guida che vi proponiamo qui sotto, vi eviterà di rivolgervi ad un arrotino.

Come prima cosa dovete procurarvi un Acciaino da cucina. Lo potrete facilmente acquistare nei maggiori supermercati o nei negozi di casalinghi.

E’ un apposito arnese a forma di spada arrotondata ideato a posta per affilare i coltelli da cucina. Svolge la stessa funzione della classica pietra per affilare i coltelli, ma è più pulito.

1. Impugnate l’acciaino con la mano sinistra e il coltello con la mano destra (al rovescio se siete mancini). 2. Posizionate il coltello in posizione perpendicolare rispetto all’acciaino con la lama rivolta verso l’esterno. 3. Appoggiate la parte che taglia del coltello all’acciaino, mentre la “schiena” del coltello deve essere leggermente rialzata. 4. Esercitate una leggera pressione e un movimento regolare facendo scivolare il coltello partendo dalla base arrivando sino alla punta del coltello e dell’acciaino. 5. Eseguite il movimento 5 o 6 volte per ottenere una buona affilatura. 6. Nella stessa posizione, passate l’altra parte del coltello sotto all’acciaino. 7. Eseguite questa operazione di affilatura molto spesso così avrete sempre in casa coltelli ben affilati, utilissimi in cucina, per tagliare e sminuzzare ogni alimento.

Kate Moss lancia la propria linea di interior design

Pubblicato il 05 gen 2016 alle 8:25am

La celebre top model inglese Kate Moss ha deciso di intraprendere una nuova avventura professionale. Di fondare una sua compagnia, chiamata la Kate Moss Interiors Ltd, con cui produrre arredo e corredo per la casa.

Secondo quanto riferito da il The Sun, la supermodella avrebbe firmato una partnership con la Company House, insieme alla sua amica Katie Grove, già proprietaria della Grove Interiors.

Affitti: sì a pagamento in contanti fino 3.000 euro, salta l’obbligo della tracciabilità

Pubblicato il 25 ott 2015 alle 10:38am

Il testo definitivo della manovra da 27 miliardi di euro inviato al Presidente della Repubblica, contiene, tra tante altre cose, anche una modifica ai pagamenti dei canoni di locazione.

E’ possibile ora, fino a 3.000 euro, pagarli in contanti.

A stabilirlo una norma che sancisce l’innalzamento del tetto del contante da 1.000 a 3.000 euro, facendo venir meno quanto stabilito in precedenza dalla legge di stabilità del 2014 che per i pagamenti dei canoni di locazione di qualsiasi importo era proibito il pagamento in contanti, perché era necessaria la tracciabilità, e dunque bisognava pagare a mezzo bonifico o bancomat.

Ora invece, si legge che tale norma “si è dimostrata di scarsa efficacia anche per l’oggettiva difficoltà di enforcement, creando disagi per le locazioni turistiche, e più in generale ai soggetti che operano correttamente”.

Infatti, nel febbraio del 2015 una circolare del Tesoro aveva chiarito che si poteva pagare in contanti fino a 1.000 euro, stessa soglia del tetto al contante. Adesso il limite viene portato a 3.000 euro e anche i canoni di affitto potranno essere pagati in contanti fino a tale importo.

Bonus Mobili 2016 esteso alle giovani coppie che acquistano casa

Pubblicato il 24 ott 2015 alle 11:07am

Il Bonus Mobili 2016, contenuto nella nuova bozza della Legge di Stabilità, parla di detrazione massima di 4mila euro per l’acquisto di arredi da parte di giovani coppie, sposate o di fatto, che comprano la prima casa.

Ma non solo. Viene esteso alle giovani coppie che acquistano la prima casa che risulta inferiore all’agevolazione per arredi destinati ad immobili in ristrutturazione (fino a 8mila euro e non 20mila come ipotizzato inizialmente); di contro, si applica a tutte le coppie di fatto e non solo a quelle sposate.

In pratica, la nuova manovra – oltre ad estendere a tutto il 2016 le detrazioni fiscali per le ristrutturazioni edilizie e gli interventi di riqualificazione energetica – ripropone il “vecchio” Bonus Mobili (al 50%, fino a un tetto di 10mila euro) ma prevedendo una nuova agevolazione per l’acquisto di arredi destinati alle nuove prime abitazioni.

Il nuovo bonus è destinato agli appartamenti oggetto di ristrutturazione agevolata ma anche all’acquisto di un nuovo immobile (che non deve necessariamente essere ristrutturato).

In questo caso è riservato alle coppie di giovani con almeno uno dei due partner con un’età al di sotto dei 35 anni. E, ultima novità, può essere utilizzato anche dalle coppie di fatto purché conviventi da almeno tre anni.

La detrazione è del 50% su un tetto di spesa massimo di 8mila euro, quindi la detrazione massima è di 4mila euro.

La detrazione è distribuita su dieci anni, a quote di pari importo.

Restano invece immutate le condizioni del bonus mobili per gli immobili oggetto di ristrutturazione agevolata: detrazione al 50% su un tetto massimo di spesa pari a 10mila euro, per mobili ed elettrodomestici di classe A.

Lavare i piatti ottimo antistress

Pubblicato il 05 ott 2015 alle 6:04am

Lavare i piatti, sostengono gli esperti, sia un valido anti stress. A rivelarlo uno studio condotto alla Florida State University, pubblicato su “Mindfulness” che prende in esame la ritualità di uno dei lavori più “noiosi” che possano esserci per le casalinghe.

I risultati? Hanno evidenziato che i volontari, dei ragazzi che avevano lavato i piatti in uno stato di piena consapevolezza, focalizzando la loro attenzione sul profumo del detersivo liquido utilizzato, la temperatura dell’acqua e la piacevole sensazione di contatto percepita toccando i piatti, avevano ridotto il loro livello di nervosismo di circa il 27%.

Prima di iniziare l’esperimento i ricercatori alla metà di questi volontari avevano chiesto di leggere un passaggio di un testo in cui veniva descritta in maniera evocativa e consapevole quanto fosse importante tale pratica.

Ebbene, hanno visto che per tale azione si ottenevano dei benefici, al contrario di quanto evinto rispetto al gruppo di controllo. Nonostante questo avesse letto istruzioni, ma svolto il lavoro meno bene dell’altro aveva solo letto l’importanza del gesto in sé, senza sapere nel concreto come svolgerlo.

Secondo gli esperti infatti, sarebbe proprio l’azione in sé del lavare i piatti, in modo ripetitivo e rituale, a rilassare e a concentrare ammorbidendo lo stato di tensione e di stress.

Come realizzare una lavanderia quando in casa si ha poco spazio

Pubblicato il 14 set 2015 alle 6:00am

Avere nella propria casa un angolo da dedicare alla lavanderia è molto importante. Si può ricavare infatti anche quando non si ha spazio, semplicemente disponendo gli elementi giusti nel posto giusto. (altro…)