terremoto

Messico: la terra trema ancora. Il sisma è di magnitudo 7,1, si temono centinaia di vittime

Pubblicato il 20 Set 2017 alle 10:10am

La terra trema ancora in Messico e torna la paura tra la popolazione. Appena 12 giorni dopo il sisma di magnitudo 8.2 , che ha sconvolto il Paese, e ha causato almeno 98 morti, un nuovo terremoto di magnitudo 7,1 della scala Richter è stato registrato a 12 chilometri a sudest di Axochiapan, nello stato di Morelos, a circa 160 chilometri dalla capitale messicana. (altro…)

Messico: terremoto di magnitudo 8,1, almeno 5 vittime, allerta tsunami

Pubblicato il 08 Set 2017 alle 9:40am

Una forte scossa di terremoto è stata avvertita nella notte alle ore 23.49 (6.49 ora italiana) a Città del Messico. Al momento sono confermate almeno cinque vittime, 3 in Chiapas, due in Tabasco. Il governatore del Chiapas Manuel Velasco ha chiesto di evacuare le aree abitate della costa per l’allerta tsunami di onde alte fino a tre metri. (altro…)

Ischia, terremoto vulcanico di 4.0: 2 morti e 36 feriti primo bilancio delle vittime

Pubblicato il 22 Ago 2017 alle 10:23am

È di due vittime e 36 feriti – nessuno in codice rosso – il bilancio della scossa di terremoto di magnitudo 4, che ha colpito ieri sera l’isola di Ischia e la costa flegrea in Campania. Centinaia le persone scese in strada, crolli e danni a case e a chiese. Isolati numerosi alberghi. (altro…)

Claudio Baglioni a Norcia per consegnare i fondi raccolti con il concerto ‘Avrai’

Pubblicato il 03 Feb 2017 alle 11:27am

L’Umbria è la terra dei miei genitori. Le mie radici, dunque, affondano qui. E Castelluccio e la sua piana sono due tra gli angoli del nostro Paese ai quali sono più legato in assoluto. Da qui, infatti, sono partiti raduni, concerti e alcuni tra i miei progetti artistici più importanti: da “Fratello Sole e sorella Luna” – una delle mie primissime incisioni: ’72 per il film di Zeffirelli – all’avventura di “Capitani Coraggiosi” che ha preso le mosse proprio da Castelluccio nell’estate 2015.” (altro…)

Terremoto, il decalogo di Save the children per aiutare i bambini a superarlo

Pubblicato il 30 Gen 2017 alle 6:13am

La terra continua a tremare nel Centro Italia. In molte città italiane le scuole sono state evacuate. I bambini sono stati portati in giardino, in strutture di accoglienza e soccorso, in via precauzionale. Una situazione che di certo li ha scossi tantissimo, creando in loro un certo disagio. Molti hanno perso la propria casa e le loro abitudini come i loro coetanei che vivono nelle zone terremotate. Altri anche familiari. (altro…)

Rigopiano, slavina si abbatte su hotel. Salve solo due persone, circa 30 i dispersi

Pubblicato il 19 Gen 2017 alle 10:17am

Paura, sgomento e attesa per i parenti delle vittime sepolte sotto l’hotel a Rigopiano e ad una slavina di neve, alle pendici del Gran Sasso, a causa del terremoto. Due le persone che sono riuscite a mettersi in salvo. Si tratta di Giampiero Parete e di Fabio Salzetta, già ricoverati in ospedale. (altro…)

Decreto post terremoto: cosa prevede, tra assunzioni e ricostruzioni

Pubblicato il 05 Nov 2016 alle 5:30am

Il Consiglio dei ministri ha approvato ieri il nuovo decreto con misure destinate a fronteggiare l’emergenza del post terremoto. Il provvedimento “salvo intese”, prevede un testo che potrà subire delle modifiche, da parte di tecnici, prima di giungere in Parlamento. (altro…)

Terremoto, oltre 100 scosse nella notte, la più forte di magnitudo 4.8

Pubblicato il 03 Nov 2016 alle 9:56am

Ancora tanta paura nelle zone terremotate. Una forte scossa sismica di magnitudo 4.8 è stata avvertita alle ore 1.35, della notte scorsa con epicentro a Pieve Torina (fra Fiordimonte e Pievebovigliana).

La scossa, durata molti secondi, è stata avvertita nettamente anche a Muccia, Fiastra, Visso, Ussita, e nello Spoletino e nel Reatino, dove molte persone hanno passato la notte in strada o nelle auto. Lo sciame sismico è proseguito poi per tutta la notte con un centinaio di scosse che sono arrivate a magnitudo 3,1 e mai inferiore a 2, avvertite anche a L’Aquila, Perugia, Arezzo, Roma e Napoli.

“È stata una gran botta, ci siamo svegliati tutti, ammesso che qualcuno riesca a dormire veramente dopo tre mesi così”, dichiara il sindaco di Pievebovigliana Sandro Luciani. “Se ci sono stati altri danni non lo so ancora, ci vorranno delle ore per stabilirlo”.

Diventa sempre più complicato con il trascorrere delle ore fare verifiche a scuole e abitazioni private soprattutto nelle Marche, dove le richieste di sopralluoghi aumentano, spiegano dalla Sala operativa unificata della Protezione civile, e sono centinaia in più ogni giorno.

Nelle aree del cratere, fra l’alto Maceratese e l’Umbria, la notte scorsa ha anche piovuto e con l’arrivo del freddo e delle pioggie su tende e roulotte il quotidiano da affrontare diventa sempre più difficile.

“Per oggi – spiega Francesco Iocca del Centro funzionale multirischi della Protezione civile marchigiana – è prevista una coda di pioggia e freddo che dal nord della regione si sposterà verso sud in mattinata, con piogge fino a 5-10 millimetri. E picchi di 30 millimetri per temporali sparsi”.

Oltre 100 scosse nella notte tra Marche e Umbria. I primi sfollati trasferiti negli alberghi

Pubblicato il 28 Ott 2016 alle 12:23pm

Oltre 100 scosse nella notte nelle zone colpite dal terremoto di mercoledì 26 ottobre, tra Marche e Umbria. (altro…)

Continuano le scosse tra Marche e Umbria, oltre 3000 sfollati

Pubblicato il 27 Ott 2016 alle 10:14am

Il centro Italia continua a tremare, dopo la paura di ieri. Non sono finite le scosse che hanno colpito di nuovo il Paese, riportandolo indietro a due mesi fa, a quel giorno del 24 agosto.

L’epicentro registrato è situato nelle zone limitrofe, tra Castelsantangelo sul Nera, Visso, Ussita nelle Marche, e Preci in Umbria.

Nella notte i sismografi hanno contato almeno oltre sessanta scosse. Per non parlare di quelle registrate questa mattina, tutte di intensità elevata, soprattutto nella zona di Macerata.

Il bilancio del sisma resta fermo a una vittima, un uomo di 73 anni deceduto a causa di un infarto, per la paura a Tolentino. A Fabriano, in provincia di Ancona otto persone, di cui sei già dimesse e due trattenute.

Molti crolli, molti i comuni isolati, si parla già di almeno tremila sfollati.

Paura anche in Lazio, Campania, e regioni limitrofe, a quelle colpite dal sisma.

Si allestiscono altre tendopoli. Molte famiglie hanno dormito fuori casa, in auto. Evacuato per precauzione l’ospedale di Norcia, in Abruzzo. Scuole chiuse nelle regioni colpite dal terremoto.