Quando il test di gravidanza? Istruzioni per l’uso

a cura di Giovanna Manna
data pubblicazione 13 Set 2010 alle ore 1:29pm

Il test di gravidanza si compra in farmacia, si basa sulla verifica di una particolare sostanza presente nell’urina femminile, è facile da eseguire ed è possibile farlo già dopo pochissimi giorni dal concepimento.Questa sostanza si chiama HGC, la gonadotropina corionica umana, è un ormone, aumenta di livello a partire dal concepimento. Ha un ruolo importante , infatti, stimola il corpo luteo a produrreil progesterone.

Il progesterone, invece, favorisce nell’utero le modifiche necessarie per il corretto instaurarsi della gravidanza. Inoltre contribuisce alla formazione della placenta rallentando l’attività intestinale in modo tale che venga aumentato l’assorbimento delle sostanze nutritive.

L’ormone scende di livello con il passare dei mesi, in quanto le sue funzioni sono sostituite dalla placenta, tra l’altro,  calano anche i fastidi che interessano i primi mesi di gravidanza, come nausea, stanchezza ecc.

Per fare il test, è importante seguire le indicazioni riportate sul foglietto all’interno della confezione del prodotto che si acqusita. In genere si consiglia di utilizzare la prima pipì del mattino perchè è più concentrata.

Il test  va fatto subito mettendolo sotto il getto di urina o immergendolo nel recipiente in cui si è raccolta.

Alcuni test di gravidanza permettono di avere risultati affidabili già da 4 giorni prima della data di arrivo del ciclo mestruale.

Ma è sempre meglio aspettare qualche giorno di ritardo per effettuare il test, perchè se fatto troppo in anticipo potrebbe diagnosticare dei falsi negativi.

Se il concepimento è avvenuto più tardi rispetto alla prevista ovulazione, il test potrebbe risultare negativo anche se in effetti la gravidanza si sta instaurando. In alcune confezioni ci sono due test da utilizzare.

Per quanto siano precisi, i test possono dare dei falsi negativi, ovvero indicare l’assenza di gravidanza quando questa c’è. I motivi, oltre al test difettoso, possono essere vari, non ultimo l’esecuzione del controllo troppo presto.
E’ opportuno, dunque, utilizzare il secondo test dopo qualche giorno per avere una conferma definitiva.
Può succedere anche che il test possa dare un falso positivo, ovvero indicare una gravidanza quando questa non esiste. Anche qui un secondo esame può confermare la prima risposta o smentirla.

Quando i due test danno esito diverso, è il caso di farne un terzo, per avere una conferma della situazione.

Qualora il test dovesse dare esito positivo è di vitale importanza eseguire gli esami del sangue e rivolgersi ad un ginecologo.