Da una ricerca condotta da Elma Research per l’Osservatorio nazionale sulla salute della donna (O.N.Da) si scopre che sono novantamila le donne dopo i sessant’anni, alle quali ogni anno viene diagnosticata in Italia, l’osteoporosi.

Inoltre emerge che una donna su due non sa, di esserne affetta, mentre tra quelle alle quali  è stata accertata questa patologia, una su tre non segue la cura necessaria.

Le fratture da fragilità ossea nelle donne, sono dovute in prevalenza dall’osteoporosi.

Molti sono i disagi che questa malattia, tra l’altro degenerativa, può causare sulle loro vite e su quelle dei famigliari.

Si stima, che sono 26 miliardi di euro ogni anno a carico del Servizio sanitario nazionale.

Raffaella Michieli segretario nazionale della Società italiana di medicina generale dice che è fondamentale che il medico di famiglia spinga le donne verso la prevenzione, e ove opportuno intervenire con una terapia farmacologica che possa prevenire la frattura da fragilità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.