Secondo uno studio condotto dai ricercatori della Cardiff University, in Gran Bretagna esiste una connessione tra l’ADHD, cioè l’Attention-deficit hyperactivity disorder e il Dna. Tra le cause del disturbo da deficit, ci sarebbero attenzione e iperattività.

Ebbene, gli studiosi hanno analizzato i tratti del Dna di 366 bambini a cui era stato diagnosticato il disordine, confrontandoli con quelli di 1.047 bambini sani.

Dai risultati ottenuti, emerge che il 15% dei bimbi esaminati avevano rare variazioni genetiche rispetto al gruppo dei bambini sani, in cui solo il 7% aveva manifestato alterazioni genetiche simili.

La ricercatrice coordinatrice della ricerca ha spiegato: «Questo studio è eccitante perché ci dà il primo collegamento diretto tra la genetica e l’ADHD».

Nel mondo, il 5,3% della popolazione soffre di ADHD, mentre in Italia il disturbo è diffuso soprattutto tra i bambini; nel nostro paese ci sono tra i 270.000 e i 360.000 bambini affetti da questa malattia psichiatrica.

L’ADHD è caratterizzata da un marcato livello di disattenzione e da una serie di comportamenti che mettono in risalto iperattività e impulsività, più seri e frequenti di quanto venga osservato in individui a un livello paragonabile di sviluppo.

Questa scoperta, potrebbe rivelarsi un importante passo avanti nella cura di questa malattia, che fino ad ora era basata solo sugli psicofarmaci.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.