Giardinaggio: quali attrezzi servono

a cura di Giovanna Manna
data pubblicazione 18 Ott 2010 alle ore 10:45am

Per potersi dedicare al giardinaggio, sia esso un balcone, un terrazzo o un bell’orto, bisogna munirsi necessariamente degli strumenti adeguati. All’inizio occorreranno quelli essenziali, poi se si vorrà diventare più esperte, allora sarà indispensabile acquistarne di nuovi per lavorare meglio.

Vediamo allora quali sono gli attrezzi più utili

Rastrellino a 5 denti: si usa nei piccoli orti per eliminare sassolini, sterpaglie e per preparare il terreno alla successiva semina.
Estirpatore: è uno strumento composto da sola lama che termina a “V”, e si usa per eliminare le radici a fittone di tutte le piante infestanti, in questo modo si toglie la radice ma non si rovina il resto del prato o dell’orto.
Zappetta a lama quadra con tridente: ebbene, la lama si usa per zappettare nonchè rompere le zolle di terra, il tridente si usa per preparare il terreno alla semina.
Rastrellino a tre denti: va bene in balcone o terrazzo poiché è adatto per i vasi, stesso uso si può fare della Palettina larga.
Trapiantatore largo: si adopera per trapiantare piante di piccole dimensioni sia in terra piena che in vaso.
Forbici per siepi: sono piccole forbici che si possono usare per tagliare arbusti, siepi di piccole dimensioni, rami sottili in generale.
Forbici da potatura: sono piccole, giuste per potare moltissime piante purché non di grandi dimensioni.
Innaffiatoio: ne esistono di dimensioni diverse e di materiale vario. La misura dovrà contenere circa 12 litri, per evitare troppi viaggi dal rubinetto al balcone.

Vediamo ora gli attrezzi da giardinaggio per piantare

Pianta bulbi: può essere a manico corto o lungo, è un attrezzo poco usato perché richiede molto lavoro da polso.
Piantatoio: serve per piantare bulbi di aglio, cipolla, o altri ortaggi.

Attrezzi per il prato

Ramazza: utile per pulire le pavimentazioni
Tagliabordi a mezzaluna: serve per tagliare i bordi, è a forma di mezzaluna con un lungo manico.
Scopa di metallo: si tratta di una scopa a rastrello, che si apre a ventaglio con tanti piccoli uncini al fondo, si può usare sul prato e serve per togliere le foglie secche, o muschio.

Conosciamo gli attrezzi per potare

Tagliarami: si usa per potare i rami alti, evitando di salire sulle scale.
Coltello da giardiniere: si usa in tante cose.

Manutenzione degli attrezzi da giardinaggio

Gli attrezzi devono essere tenuti con cura, ben custoditi, riposti non all’aperto, perché se esposti alle intemperie potrebbero rovinarsi prima del tempo.

Per affilarli lo si può fare con una pietra affilalame, la quale dovrà essere unta con qualche goccia di olio.

E’ importante, pulire i vostri strumenti dalla terra. Non dimenticate mai di farlo.