Obesità infantile: gioco a punti e regalo per far capire il messaggio del 5.2.1.0.

a cura di Giovanna Manna
data pubblicazione 03 Nov 2010 alle ore 10:08am

Marina Vignolo, responsabile del centro Obesità del Gaslini da 30 anni studia l’obesità infantile.

Tra le proposte dell’istituto pediatrico di Quarto c’è l’iniziativa presentata ieri mattina e realizzata in collaborazione con Federfarma e il presidente genovese Giuseppe Castello.

Si tratta di un progetto molto divertente, che punta a coinvolgere le famiglie e i bambini anche per l’aspetto ludico educativo.

In sostanza i genitori, ma anche i nonni, per tutto il mese di novembre potranno accompagnare i loro bimbi in farmacia dove, consegnando un disegnino sul cibo di qualità, potranno ricevere in regalo una bustina con i Gormiti o della Giochi Preziosi.

Slogan della campagna che da anni il Gaslini sta realizzando per contrastare l’obesità e il sovrappeso «Gioca, disegna, impara… a mangiar sano e a far movimento!».

Si stima che solo in Liguria i bambini obesi sono circa 5mila.

A sostegno della prevenzione all’obesità infantile, scendono dunque, in campo anche i farmacisti per favorire la formula dell’American Academy of Pediatrics intitolata 5.2.1.0.

Vale a dire 5 porzioni al giorno di frutta e verdura, 2 ore al giorno al massimo per stare davanti a tv e computer, 1 ora al giorno da dedicare all’esercizio fisico e al movimento, 0 invece, le bevande zuccherate da assumere che devono essere sostituite da acqua, spremute di frutta e latte parzialmente scremato.

Se il bimbo sarà messo nelle condizioni di raggiungere questi obiettivi riceverà un numero di gettoni che potranno essere convertiti in premi o privilegi.

Con i punti guadagnati, si potranno ricevere i giochi. Per l’occasione un’apposita lavagnetta su cui segnare i punti. I bimbi dovranno realizzare un disegno sui messaggi racchiusi dal 5.2.1.0. per ogni disegno consegnato in farmacia sono previsti i premi in Gormiti o Cuccioli cerca amici.