A Milano la libreria più grande d’Italia: oggi l’inaugurazione della Feltrinelli Express

a cura di Giovanna Manna
data pubblicazione 24 Nov 2010 alle ore 10:29am

Oggi nella Stazione Centrale di Milano, Feltrinelli inaugura la 101esima libreria.

Parteciperà all’evento Daniel Barenboim, impegnato in questi giorni alla Scala con le prove di Die Walkure.

Feltrinelli Express, è la libreria più grande d’Italia, ed è stata realizzata dall’architetto argentino Miguel Sal.

Sono stati scelti colori chiari, con scaffali di metallo bianchi e tavoli di acero e verde brillante nella zona bambini.

I decori si rifanno agli anni Trenta, i pavimenti sono in marmo policromo, c’è anche una fontana rimessa in funzione nella bellissima ex sala d’attesa di prima classe.

Inoltre sulle pareti figurano i ritratti in bianco e nero di milanesi illustri (da Manzoni alla Vanoni).

Feltrinelli Express avrà nove varchi di ingresso e uscita, tante saranno le casse, tra l’altro si avrà la possibilità di attraversare gli scaffali come se fosse un passaggio diretto ai binari.

Saranno davvero tanti i libri che si potranno trovare, si parla di circa 40mila, 15mila titoli musicali, 5mila home video e 4mila videogames, che saranno venduti e sistemati da 60 addetti.

Al pian terreno, quello che da verso la Galleria delle Carrozze, saranno ospitati libri di viaggio, guide, libri in lingua originale e libri d’arte, poi c’è anche l’edicola e un piccolo settore alimentari.

La libreria si estende su 2500 metri e si sviluppa su quattro piani, resterà aperta 365 giorni l’anno, dalle 7 alle 22.

Il piano che affaccia sull’ammezzato, sarà dedicato alla lettura per i giovani, il terzo piano, quello che affaccia sui binari, conterrà un assortimento di 40mila libri. L’ultimo piano, invece, è costituito da 500 metri quadrati non destinati alla vendita, ospiterà eventi e presentazioni, e sarà dedicato a Giorgio Gaber.

La realizzazione di questa grande libreria è costata moltissimo, ma secondo l’amministratore delegato Dario Giambelli ne è valsa la pena perché comunque si è creata occupazione, e poi i guadagni non tarderanno ad arrivare.