I morti per il fumo passivo

a cura di Giovanna Manna
data pubblicazione 27 Nov 2010 alle ore 11:28am


Secondo i risultati di uno studio condotto (sull’analisi dei dati del 2004 su 192 paesi) da Armando Peruga e Annette Pruss-Ustun dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) e pubblicato sulla rivista Lancet, ogni anno nel mondo avviene un decesso su 100, per fumo passivo.

Sono oltre 600.000 le persone che perdono la vita, di cui 165.000 bambini. Sono questi i numeri stimati delle vittime del fumo passivo.

Questi ultimi, muoiono di più nei paesi a basso e medio reddito mentre nei paesi ricchi le vittime del fumo passivo sono soprattutto adulti.

Nel 2004 emerge che il 40% sono bambini, il 33% maschi non fumatori, il 35% donne non fumatrici.

Questo ha causato conseguentemente 379.000 morti per ischemia, 165.000 per infezioni respiratorie, 36.900 per asma, 21.400 per cancro ai polmoni; in tutto, 603.000 morti per fumo passivo ogni anno, vale a dire l’1% di tutti i morti globali.

Il fumo passivo è anche colpevole della perdita di 10,9 milioni di anni di vita in buona salute, il 61% dei quali ‘tolti’ ai più piccoli.

Nel mondo, sono 1,2 miliardi i fumatori che costringono al fumo passivo miliardi di persone.