Natale in Emilia Romagna: “Progetto di accoglienza dei bambini di Chernobyl”

a cura di Giovanna Manna
data pubblicazione 05 Dic 2010 alle ore 9:09am

Per questo Natale in Emilia Romagna arriveranno 40 bambini ucraini e tre accompagnatori nell’ambito del progetto Chernobyl.

Essi saranno ospitati dall’associazione Polivalente 87 e G. Pini di Modena dal 6 dicembre al 3 gennaio.

Si tratta di un progetto partito nel 1996 in collaborazione con le associazioni Anpas, Arci, Legambiente (le cui associazioni sono poi confluite nell’associazione Verso Est) e Aiutiamoli a Vivere, basato su periodi di accoglienza e cura di bambini provenienti dalle zone di Bielorussia e Ucraina contaminate dalla nube radiottiva di Chernobyl.

Dunque, con questa iniziativa si vuole far trascorrere a questi bambini sfortunati un periodo di vacanza con attivita’ organizzate solo per loro, nonchè dar loro la possibilità di sottoporsi a visite mirate (pediatrica ed ecografia tiroidea) per verificare il loro stato di salute.

L’associazione modenese da anni lavora in Ucraina, nel distretto di Kagarlik, Regione di Kiev in progetti di cooperazione internazionale e aiuto umanitario rivolti a scuole e settori della prevenzione sanitaria e alimentare.

Durante il periodo che questi bambini saranno in Italia, verranno iscritti al Servizio sanitario nazionale affinchè possano essere assistiti e curati come si deve, essendo ad alto rischio di ammalarsi di cancro alla tiroide, ai polmoni, alla vescica.

Un mese di soggiorno qui, lontano da ambienti contaminati permetterà loro un abbassamento fino al 50% dei valori di cesio assorbito, riducendo conseguentemente il rischio di incorrere in queste forme tumorali.