Secondo i ricercatori dell’Università di Medicina e Odontoiatria del New Jersey e della Loma Linda University’s School of Public Health, le mandorle potrebbero aiutare le persone colpite da diabete di tipo 2.

Gli scienziati, con a capo la dottoressa Michelle Wen hanno esaminato 2 gruppi di volontari in condizioni di prediabete. Al primo è stato fatto aggiungere le mandorle alla dieta, al secondo no, mentre a tutti è stato raccomandato di consumare carboidrati.

Ebbene, dopo 16 settimane di studio, gli esperti hanno notato che le mandorle avevano provocato una migliore sensibilità all’ insulina e avevano ridotto i livelli di colesterolo LDL, rendendo i soggetti più resistenti alle malattie cardiovascolari.

La dottoressa Wien ha così spiegato il risultato ottenuto con il loro esperimento “è promettente per le persone con fattori di rischio per le malattie croniche, come diabete di tipo 2 e patologie cardiovascolari, che cambiamenti nella dieta possano aiutare a migliorare i fattori che giocano un ruolo potenziale nello sviluppo della malattia”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.