Libri: “Nelle terre del Nord: il destino di Godric” di Elisabetta Vittone

a cura di Giovanna Manna
data pubblicazione 13 Gen 2011 alle ore 1:00am

Nelle terre del Nord: il destino di Godric
MEF Edizioni
pagg. 119
Anno 2009
ISBN: 978 88 517 1996 8
€ 11.50

Abbandonato momentaneamente il terreno storico, l’autrice ci accompagna nella pericolosa ricerca da parte di Godric, giovane ed inesperto barone di Holdsword, della sorella Hetel in fuga verso le terre del Nord della Scozia, svelandoci, capitolo dopo capitolo, i pensieri del giovane e quelli della ragazza.
La verità sulla fuga di Hetel verrà a galla solamente alla fine dell’avventura che vede coinvolti i due figli minori della casata di Holdsword. Mentre Godric abbraccerà il proprio destino, la sorella si farà carico del compimento della vendetta nei confronti di Guglielmo il Conquistatore?
Volti noti e nuovi personaggi si alternano nel narrare la storia, così che al lettore vengono offerti diversi punti di vista sulla vicenda, in modo da trovarsi sempre spettatore partecipe e coinvolto.
Il tema della vendetta è temporaneamente sospeso, ma non abbandonato, e fa la comparsa un nuovo tema, quello sulla capacità di saper prendere decisioni, soprattutto se queste decisioni possono voler dire veder sconvolta la propria vita.
Hetel non è Godric, e sotto l’ingenuità e la semplicità del personaggio si cela più di quel che il lettore riesce ad intuire. Anche lei, come era successo per l’amato fratello, subirà una trasformazione e da ragazzina diventerà donna, rivelando un carattere forte e battagliero, capace di grandi rinunce. Che la saga sia destinata a continuare?”

Attraverso questo libro l’autrice Elisabetta Vittone ci accompagna a vivere l’ambiente di un romanzo epico e storico, attraverso immagini fantastiche vissute nelle esperienze dei protagonisti.

Protagonista principale della vicenda è Godric, un giovane barone, in cerca della sorella Hetel, rapita durante una razzia in cui i genitori hanno sfortunatamente dovuto sopperire alla morte.

Essendo la ricerca piuttosto faticosa, difficoltosa ed irta di pericoli, accanto a Godric compare un altro personaggio: il barone di Jorvik, che accompagnerà quest’ultimo nelle terre del Nord, sacrificandosi al posto di Godric stesso, il quale però non potrà sottrarsi alla morte che il destino gli ha predestinato, nemmeno dopo essere venuto a conoscenza della verità, ossia che in realtà Hetel non è stata rapita da nessuno, ma se ne è andata per amore del giovane Robert.

Anche Hetel inoltre cela dentro sé un dolce segreto, per il cui amore deciderà di sacrificare in parte la sua felicità; al fine di scoprire i misteri che il fato pure a lei ha prefissato.

In “Nelle terre del Nord: il destino di Godric” ogni personaggio dovrà lottare con il proprio animo, con se stesso, con le scelte che ha compiuto e che ancora deve compiere, per poi comprendere appieno la propria vita.

Tutta l’opera è scritta in modo da coinvolgere il lettore, cambiando spesso le scenografie ambientali ed il narratore stesso.

Attraverso questo libro l’autrice fa trasparire la propria passione per l’epoca medioevale in un’Inghilterra di dominazione normanna; luogo in cui, anche per il lettore, sarà impossibile riemergere; non prima di aver assaporato ogni singola parte delle vicende narrate.

Il finale poi sembra essere non pienamente definito, in grado di lasciare quella suspence che fa esprimere a chi legge la voglia di un immediato seguito.

Il libro è inoltre scritto in un italiano scorrevole, privo di errori, con tratti storici ben evidenti; un libro capace di emozionare chi ancora crede alle storie d’amore ed ai legami familiari.

Un libro assolutamente da non lasciarsi sfuggire per chi ama la storia e la sua originalità.

Recensione di Sara Rota