Dislessia: un problema sociale

a cura di Giovanna Manna
data pubblicazione 27 Feb 2011 alle ore 9:56am


La dislessia e’ un problema sociale e per questo le Istituzioni, Associazioni e singoli devono impegnarsi per promuovere iniziative di servizio e sostegno a favore di questa patologia, come nei confronti delle altre categorie di soggetti diversamente abili e bisognosi di aiuto fisico e psicologico.

Il Presidente del Senato, Renato Schifani, si rivolge al Presidente dell’Associazione “Il Labirinto onlus”, Maria Dimita Giombini, in occasione dell’incontro nazionale delle Associazioni “Dislessia” in corso a Milano.

Schifani dice: “Un primo passo importante in materia e’ la legge del 2010 che riconosce alcuni disturbi specifici in materia di apprendimento, garantendo cosi’ un insegnamento scolastico personalizzato attraverso misure compensative e dispensative. La diffusione della conoscenza di ogni difficolta’ contribuisce alla piena comprensione della stessa, favorendo l’inserimento nella societa’ da parte di chi la incontra”.

La dislessia è il disturbo di apprendimento che può causare nei bambini enormi sofferenze, frustrazioni, e disagi sociali e comportamentali, per cui genitori hanno bisogno di sostegno esterno per aiutarli a crescere bene, apprendere e ad inserirsi nella società.