Nel libro “Michael Jackson, il segreto di una voce”: castrazione chimica subita a sua insaputa

a cura di Giovanna Manna
data pubblicazione 03 Mar 2011 alle ore 10:50am

Il 9 marzo uscirà in Francia, un libro intitolato ‘Michael Jackson, il segreto di una voce’, scritto dal chirurgo francese Alain Branchereau, il quale, sostiene che il re del pop avesse subito una castrazione chimica a sua insaputa durante l’adolescenza a causa di una cura contro l’acne.

Questo spiegherebbe il segreto della sua voce acuta, il re del pop, era capace di coprire tre ottave. Basti pensare che i grandi tenori riescono ad arrivare solo a due.

Il chirurgo sostiene anche che il fenomeno Michael Jackson si paragonabile a quello dei castrati del Seicento che “mandavano le folle in delirio”.

Jacko avrebbe subito questa castrazione (chimica e non fisica) tra i 12 e 20 anni, causata dalla molecola scoperta negli anni ’70, molto diffusa all’epoca, chiamata ciproterone ma che solo successivamente negli anni si è appreso che funziona come anti-ormone maschile.

È possibile, inoltre, che i suoi genitori si fossero resi conto dell’effetto collaterale della medicina e che abbiano continuato a somministrargliela volutamente, in modo da preservare la voce d’angelo del loro talentuoso ragazzo.

A confermare tale scioccante tesi, vi sarebbe un altro elemento importante: l’altezza.

Ossia “Jackson era alto 1,78, mentre nella sua famiglia sono tutti piccoli ed è noto che in assenza di ormoni maschili la saldatura delle ossa avviene più tardi e il bambino cresce più a lungo”.

La voce di Jackson non è mutata con l’età ma da un punto di vista psicologico la star ne avrebbe risentito molto per questa castrazione.