Prevenzione “donne, alcol e droghe”: parte il primo DAD.NET

a cura di Giovanna Manna
data pubblicazione 03 Mar 2011 alle ore 9:34am


Al via, presso la sede FAO di Roma, la prima conferenza “Donne, alcol e droghe”, alla presenza del Sottosegretario di Stato per la Famiglia, la Droga e il Servizio Civile della Presidenza del Consiglio dei Ministri, Carlo Giovanardi, che si protrarà fino al 4 marzo.

A introdurre l’evento, Kristiina Kangaspunta, incaricato d’affari dell’UNICRI, mentre gli obiettivi e le finalità della conferenza saranno illustrati dal Capo del Dipartimento Politiche Antidroga, Giovanni Serpelloni.

Interverranno: il Vicepresidente del Parlamento Europeo, Roberta Angelilli, il Presidente della Regione Lazio, Renata Polverini, e il Sindaco di Roma, Gianni Alemanno.

Questa conferenza è dedicata esclusivamente al progetto DAD.NET, realizzato dal Dipartimento Politiche Antidroga in collaborazione con l’Istituto delle Nazioni Unite per la Ricerca sul Crimine e la Giustizia (UNICRI), che come finalità quella di sviluppare interventi di prevenzione e trattamento, rivolti all’universo femminile.

Un gruppo di lavoro, vuole definire le linee di indirizzo per ragazze e giovani donne, esse verranno estese a tutto il territorio nazionale e che saranno ideate in modo tale da essere adottate anche al livello europeo.

Dai primi dati raccolti emersi dalla prima giornata di lavori della Conferenza dedicata al progetto Dad.Net (Donne, alcol e droghe), si apprende che sono oltre 27 mila le donne tossicodipendenti in Italia, 23 mila delle quali (l’86%) ogni anno accedono ai servizi pubblici chiedendo un trattamento per dipendenza da sostanze stupefacenti.

Il primo accesso avviene, però, dopo circa 6-8 anni dall’inizio della dipendenza. Le donne al contrario degli uomini, accettano di piu’ di essere aiutate e si sottopongono al trattamento per un periodo piu’ lungo.