L’acido folico in gravidanza previene le malformazioni neonatali

a cura di Giovanna Manna
data pubblicazione 14 Mar 2011 alle ore 10:14am


Secondo uno studio condotto nella Carolina del Sud (Stati Uniti) l’assunzione di acido folico durante la gravidanza sarebbe di valido aiuto nella prevenzione delle malformazioni neonatali, particolarmente di quelle a carico del tubo neurale, che si possono originare nelle prime fasi dello sviluppo embrionale.

In sostanza l’acido folico è la vitamina B9, infatti, non essendo prodotta dall’organismo, deve essere assunta con il cibo e dalla flora batterica intestinale.

In merito al fabbisogno quotidiano, in condizioni normali è di circa 0,2 mg, mentre durante la gravidanza, deve essere raddoppiato a 0,4 mg perché il feto utilizza le riserve della mamma.

Sembra infatti, che assumendo tale quantità ogni giorno, almeno due settimane prima della gravidanza e nel primo trimestre di gestazione, sarebbe possibile una riduzione di 40% di bambini affetti da difetti del tubo neurale.

Ma non solo. Durante il primo trimestre della gravidanza, è di vitale importanza che la futura mamma assuma acido folico e vitamina B sotto forma di integratori, nonchè ferro e folati in genere soprattutto attraverso una alimentazione equilibrata, ricca di pesce, oli vegetali e verdure.