Immigrazione Lampedusa: una donna partorisce in mare e un’altra perde il bambino

a cura di Giovanna Manna
data pubblicazione 27 Mar 2011 alle ore 9:08am


Sta bene il bebè che ieri è venuto alla luce su di un barcone proveniente dalla Libia. Buone le condizioni anche della madre che ha partorito in mezzo al mare.

E’ stata soccorsa da un elicottero della marina militare partito dalla nave Etna che ha portato in salvo sia la donna che il bambino nell’ospedale di Lampedusa. La nave della marina militare continua a monitorare il viaggio del barcone per intervenire nel caso di emergenza.

Insieme a questa donna che ha partorito, sul barcone si trovava anche un’altra donna incinta. La migrante è stata soccorsa anche lei da un elicottero della marina militare ma, appena arrivata all’ospedale di Lampedusa, il personale sanitario si è accorto che il suo bambino era morto. La donna ora è in attesa di un elicottero che la porti all’ospedale di Palermo per accertamenti medici.

Secondo quanto riferiscono il personale dell’ospedale di Lampedusa, era incinta di circa 3 o 4 mesi e si è trattato di aborto. Quando la donna è arrivata in ospedale, aveva già perso il bambino, le sue condizioni sono buone.

Ieri sera sull’isola sono sbarcati altri 446 immigrati. La guardia di finanza dell’isola fa sapere che non dovrebbero verificarsi nuovi arrivi nel corso delle prossime ore.