Secondo uno studio condotto dal Wake Forest Baptist Medical Center e pubblicato sulla rivista Journal of Dermatology, il prurito è come lo sbadiglio, contagioso.

Ebbene sì, i ricercatori seguendo 14 persone sane e 11 persone affette da dermatite atopica una condizione infiammatoria della cute che spinge a grattarsi hanno scoperto che tutti i pazienti che hanno guardato dei video o delle clip che ritraevano persone intente a grattarsi pur di alleviare il loro prurito alla fine erano spinte a fare altrettanto.

Le persone con dermatite atopica guardando i video si sono grattate sebbene non avessero lo stimolo del prurito. La visione di qualcuno che si gratta ha rinnovato il ricordo della loro patologia di fondo.

Allo scopo, questa ricerca intende sviluppare terapie fatte di esercizi di rilassamento e meditazione capaci di alleviare il prurito e magari sviluppare farmaci che possano agire su particolari aree cerebrali, limitando l’istinto a grattarsi in caso di prurito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.