Federica Pellegrini: la paura degli 800, ma è comunque vittoria

a cura di Giovanna Manna
data pubblicazione 18 Apr 2011 alle ore 10:42am


E’ stata una straordinaria prova di carattere e forza quella condotta da Federica Pellegrini, che, agli Assoluti primaverili conclusisi a Riccione, ha vinto anche gli 800 stile libero, malgrado un malessere avuto alla partenza che aveva temere il peggio, per il ritorno di un attacco d’ansia.

Nonostante tutto, nell’ultima giornata degli Assoluti, la Pellegrini riesce ad aggiudicarsi anche la gara “meno nuotata” e gradita nella sua straordinaria storia agonistica: quegli 800 stile libero che erano in fase embrionale con Alberto Castagnetti e che l’hanno portata al bronzo europeo a Budapest 2010 in 8’24″99, primato personale.

Per l’atleta 22enne di Spinea si tratta del 43/o titolo assoluto, il terzo nella distanza dopo gli estivi a Pesaro 2007 (8’29″01) e i primaverili dello scorso anno a Riccione (8’27″54).

Quella che possiamo definire come la regina del nuoto italiano vince in 8’31″08, sotto al limite B dei mondiali di 8’33″84.