Attenzione alla “dieta del sondino”: può essere pericolosa

a cura di Giovanna Manna
data pubblicazione 10 Mag 2011 alle ore 9:46am


E’ sempre più diffusa la “Dieta del sondino”, metodo per dimagrire che consiste nell’introduzione di un tubicino in una narice del naso, attraverso la gola, l’esofago ed infine dentro lo stomaco.

Il sondino naso-gastrico è stato spesso usato, in campo medico, per i pazienti che soffrono di obesità.

In sostanza si mette il paziente in una condizione di digiuno forzato per circa 10 giorni, periodo in cui il tubicino non va rimosso.

Ebbene, durante questo lasso di tempo, il paziente deve ingerire esclusivamente liquidi, dopodichè viene seguito per una ri-educazione alimentare e per il mantenimento del peso acquisito in prospettiva, in caso di necessità, di un’altra sessione di dieta del sondino.

Si tratta in pratica, di una dieta molto efficace che consente, in tempi brevi, di perdere anche il 10% del proprio peso corporeo.

Da qui, in tanti ricorrono a questo tipo di dieta dimagrante. Ma attenzione, se ci si sottopone alla dieta del sondino senza controlli, questa può rivelarsi davvero molto pericolosa, in quanto prevede la somministrazione di una miscela proteica tramite sondino naso-gastrico, che può causare serie complicanze renali e glicemiche.

L’allarme viene lanciato da specialisti in estetica, riuniti a Roma in occasione del XXXII Congresso Nazionale della Societa’ Italiana di medicina estetica.

Questo tipo di dieta, sembra infatti, che venga presentata a pazienti con caratteristiche molto diverse, spesso senza esami preventivi. Altre volte, invece, il paziente decide di ricorrervi senza alcun parere medico.

Secondo i medici, questa tecnica in molti appare ingiustificata, inutile e dannosa. E’ nata per casi gravi, ai quali non deve mancare il supporto medico, per questo è bene non sottoporsi con leggerezza e consultarsi con il proprio medico.