Una donna di 20 anni, romena, dopo aver dato alla luce una bambina ha preferito lasciarla ai medici e al personale dell’ospedale San Giacomo D’Altopasso di Licata (Agrigento) usufruendo del diritto, riconosciuto dalla legge, di partorire e di non riconoscere il nascituro.

Ebbene, sembra, che la ragazza abbia riferito ai medici di non avere le dovute disponibilità economiche per poterla sfamare e far crescere.

Subito sono partite le indagini della magistratura per dare in affidamento la neonata a qualche famiglia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.