Viso: la couperose, cause e rimedi

a cura di Giovanna Manna
data pubblicazione 22 Mag 2011 alle ore 8:57am


Di couperose ne è colpito il 15% della popolazione. Essa è causata da una sensibilità cutanea. Si tratta di un disturbo del microcircolo che richiede cure specifiche per la risoluzione del problema.

Ad essere più esposte, le persone con la pelle delicata e gli occhi chiari. Può essere una cosa ereditaria.

Coloro che hanno pelli sensibili reagiscono alle aggressioni esterne con un’iperattività cutanea, che si manifesta attraverso sensazioni di bruciore, pizzicore, riscaldamento nonchè rossore.

La couperose è localizzata su guance, naso, fronte e mento. Con il passare del tempo, accade che i piccoli vasi dilatati, chiamati teleangectasie, perdono la loro elasticità e il rossore diffuso diventa così permanente.

Oltre a causare un disagio estetico, si aggiunge anche una sensazione di calore che costituisce un vero e proprio disagio.

La sua comparsa, è favorita da alcuni fattori, tra questi abbiamo: il consumo di spezie, l’alcol, il tabacco, i cibi molto caldi, le brusche variazioni di temperatura che scatenano i flush (in seguito a vasodilatazione), i raggi UV, lo stress, gravidanza.

Per attenuare i segni della couperose, si possono usare i tonici venosi ma questi non fanno altro che ridurre le manifestazioni cutanee, ma non scomparire i piccoli difetti superficiali.

Per risolvere definitivamente il problema, occorre rivolgersi ad un dermatologo che rimuoverà le teleangectasie attraverso un apposito laser.

Attenzione, però, se la pelle risulta particolarmente fragile, occorrerà idratarla e proteggerla dalle aggressioni esterne con una crema curativa e successivamente sottoporsi al trattamento.