Giornata europea dell’obesità: emersi dati allarmanti

a cura di Giovanna Manna
data pubblicazione 23 Mag 2011 alle ore 10:24am

Si è celebrata ieri la Giornata Europea dell’obesità. Solo in Italia si contano oltre 4.700.000 persone che soffrono di questo disturbo.

Un numero cospicuo è rappresentato anche dai bambini per il 24% che intorno agli 8-9 anni risultano già vittime di questi chili in eccesso, dopodichè troviamo un 12% che risulta addirittura obeso.

I dati emersi sono senz’altro allarmanti in quanto un bambino obeso se non adeguatamente curato diverrà un adulto obeso con relativi problemi fisici.

Tra gli adulti, invece, troviamo una popolazione dove una persona su quattro ha dei chili di troppo mentre le persone obese risultano nel nostro paese circa 700mila.

Si scopre, inoltre, che molte persone credono di star bene cosi non si preoccupano del loro effettivo stato di salute, ignorando i rischi a cui vanno incontro.

Ci sono tra l’altro, tantissime donne che rimangono in forma solo per “estetica” e non per “salute”, per le quali i medici raccomandano di evitare lo “Yo-Yo” ossia l’oscillazione di peso, arrecandosi dei danni che nemmeno si aspettano tra i quali: aumento del rischio di ipertensione, dislipidemia (un brusco aumento dei grassi nel sangue), patologie della colecisti e può essere associata al disagio psichico e alla depressione.

In genere tutte le persone con chili di troppo dovrebbero allarmarsi su quello che è il loro effettivo stato di salute perchè sono esposte ad un alto rischio di malattie cardiovascolari e reumatiche, ictus e diabete.