Le radiazioni nucleari possono influenzare le nascite, determinando una maggiore percentuale di maschi.

A sostenerlo, è una recente ricerca tedesca. Questo studio che farà sicuramente molto discutere. Condotto da Hagen Scherb e Kristina Voigt, afferenti all’Helmholtz Zentrum München, pubblicato sulla rivista di divulgazione scientifica Environmental Science and Pollution Research.

I ricercatori hanno dimostrato durante questa ricerca, analizzando le nascite registrate tra il 1975 e il 2007 in 39 Paesi europei e negli Stati Uniti, che dopo le sperimentazioni nucleari degli anni ’60 e ’70 il numero di neonati maschi è stato significativamente superiore rispetto a quello delle femmine, e che le radiazioni ionizzanti provenienti dai test atomici antecedenti al 1963, quelle rilasciate dall’incidente di Chernobyl del 1986, ed in aggiunta lo stesso vivere nelle vicinanze degli impianti nucleari, a lungo termine provocherebbero un effetto sulle nascite che va a discapito dell’incremento di popolazione femminile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.