La ditta Daneco Impianti Srl, in ATI con ACMAR Scpa e RCM Costruzioni Srl, si e’ aggiudicata la gara per la costruzione del termovalorizzatore di Salerno, di Cupa Siglia, il secondo della Campania.

A renderlo noto il presidente della Provincia, Edmondo Cirielli. La decisione e’ stata presa ieri mattina dall’apposita commissione chiamata a decidere sulle due proposte pervenute in seguito della pubblicazione del bando per la realizzazione dell’impianto emesso dalla Provincia di Salerno.

La Commissione giudicatrice per la procedura in intestazione, nominata con Determinazione n.10 del 01/02/2011, era costituita dall’ing. Lorenzo Criscuolo, Dirigente dei Settori ‘Lavori Pubblici e Viabilita” ed ”Espropri’ della Provincia di Salerno; l’architetto Catello Bonadia, Dirigente del Settore Gare della Provincia di Salerno; Raimondo Santacroce, Coordinatore AGC 21 Programmazione e Gestione Rifiuti della Regione Campania; l’ingegner Domenico Barletta, Dirigente del Settore Opere e Lavori Pubblici del Comune di Salerno; il vice prefetto Giovanni Cirillo, in servizio presso la Prefettura di Salerno; l’architetto Ivonne de Notaris, funzionario del Settore Urbanistica e Governo del Territorio, quale segretario verbalizzante.

I lavori della Commissione sono partiti il 7 febbraio e si sono svolte in 41 sedute, di cui 9 pubbliche e 32 riservate per la valutazione della offerta tecnica, per un totale di 180 ore di lavoro.

Il Comune di Salerno però, ribadisce che ad oggi è illegittima ogni aggiudicazione per la mancanza di compatibilità urbanistica dell’area individuata. Non si hanno ancora notizie sul piano economico e finanziario essenziale per qualunque valutazione di merito.

Inoltre la provincia di Salerno non può garantire trecentomila tonnellate annue di conferimenti all’impianto secondo quanto prevede il bando di gara, pertanto, è evidente che il raggiungimento di tale quantitativo porterebbe a Salerno rifiuti provenienti da altri territori.

Questo aspetto preoccupa per la tutela della salute pubblica e la reale qualità dei rifiuti che possono essere introdotti nel territorio del Comune di Salerno.

Tutti gli atti saranno trasferiti alle Procure della Repubblica di Napoli e di Salerno con le osservazioni di merito che saranno svolte sulle procedure seguite e sugli atti emanati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.