Cellulite: come combatterla a tavola

a cura di Giovanna Manna
data pubblicazione 25 Giu 2011 alle ore 7:49am


La cellulite è l’incubo dell’estate per una donna su due, indipendentemente dall’età e dalla costituzione.

Colpisce anche le ragazze e le magre. Eppure si può qualche rimedio c’è. Dieta, ginnastica e prodotti specifici, creme e massaggi. Privilegiare certi alimenti, piuttosto che altri.

Per combattere la pelle a buccia d’arancia non basta ridurre le calorie: serve anche un cambiamento dello stile alimentare.

In aiuto di chi deve fare i conti con questo problema, arrivano i consigli di Andrea Poli di Nutrition Foundation of Italy (Nfi).

Il segreto, secondo l’esperto, è quello di introdurre nella propria dieta alimenti genuini, ideali per combattere l’infiammazione degli strati profondi della pelle, causa della cellulite.

Rinunciare dunque, e ridurre i cibi più raffinati, sostituendoli con alimenti semplici e ricchi di principi protettivi derivati dalla terra e dal mare.

Il menu ideale, è composto da “cereali integrali, salmone e verdure”.

I cereali integrali
Aiutano a combattere la pigrizia intestinale a cui sono soggette soprattutto le donne: un intestino non regolare favorisce la cellulite perché ostacola l’afflusso di sangue agli arti inferiori. I cereali hanno anche un indice glicemico basso: rilasciano lentamente gli zuccheri ed evitano picchi d’insulina che causano l’ingrossamento delle cellule adipose. Il primo piatto, del menu anticellulite prevede pasta o riso integrale, orzo, farro.

Il pesce
Rispetto alla carne e ai formaggi, ha il vantaggio di fornire iodio, minerale che partecipa alla sintesi degli ormoni tiroidei, stimolando il metabolismo e favorendo la trasformazione dei grassi e degli zuccheri in energia.

“Pesce grasso, come il salmone, garantisce un apporto di acidi grassi polinsaturi della serie omega3 che – ricorda Andrea Poli – sono tra le migliori armi di cui possiamo disporre, a tavola, per combattere l’infiammazione dei tessuti del nostro organismo”.

Le verdure
Per contorno lasciamoci guidare dai colori, le verdure dalle tinte più vivaci contengono più antiossidanti e quindi sono dotate di un’azione antinfiammatoria naturale.

La frutta
Scegliamo quella di colore rosso: ciliegie, fragole, lamponi, more, sono ricchi di flavonoidi e vitamina C che rafforzano le pareti dei vasi sanguigni, riducendo così la permeabilità da cui dipende la fuoriuscita dei liquidi che gonfiano e congestionano i tessuti cellulitici.

L’acqua
Bere molto aiuta a introdurre nell’organismo, le scorie accumulate nella pelle a materasso. Secondo i nutrizionisti, molte donne non avvertono lo stimolo della sete e pertanto non riescono a bere quel litro e mezzo d’acqua al giorno tanto raccomandato. La soluzione allora è quella di aumentare l’apporto d’acqua con la dieta, bevendo di più, ma anche mangiando più verdure e cibi che ne contengono in quantità (zucchine, pomodori, spinaci, lattuga, anguria, pompelmo, pesche).