Abbronzatura genetica, sicura senza esporsi al sole

a cura di Giovanna Manna
data pubblicazione 04 Lug 2011 alle ore 8:04am


L’abbronzatura perfetta presto sarà possibile e senza rischi, basterà attivare i geni. Con una nuova tecnica sarà possibile esaudire il sogno di tutti coloro che amano la pelle scura, e prevenire tutti i disturbi e le patologie che l’esposizione al sole può provocare.

Secondo uno studio, condotto dai ricercatori del Massachusetts General Hospital, guidati dal dottor David Fisher, disattivando alcuni geni si può stimolare la produzione della melanina, pigmento che conferisce la colorazione scura alla pelle.

In genere accade che un enzima specifico, attivi un gene, il PDE-4D3, in modo da far scaturire un blocco protettivo, inibendo così la produzione di melanina.

Tali scienziati hanno scoperto che la somministrazione di alcune sostanze chimiche riesce a disattivare questo gene e, quindi, a favorire la produzione del pigmento.

Questo studio, pubblicato sulla rivista Genes and Development, è stato attualmente testato sugli animali, nei quali si sono ottenuti dei risultati a dir poco sorprendenti.

Sembra infatti che somministrando a questi ultimi delle specifiche sostanze, dopo soltanto cinque giorni si sia ottenuto un aumento della pigmentazione. Gli esperti sono arrivati all’abbronzatura “genetica” senza nessuna esposizione al sole, o a lampade abbronzanti.