Quali sono gli accessori per la sposa?

a cura di Giovanna Manna
data pubblicazione 01 Ago 2011 alle ore 7:00am


Gli accessori si sa completano e valorizzano l’abito, anche il giorno del matrimonio, e per questo è importante sceglierli con gusto, devono essere studiati e pensati in anticipo e con pazienza.

La lingerie
Trovare l’intimo adatto per il giorno delle nozze, non è un’impresa facile ma, neppure impossibile! Alla lingerie, va il compito di rendere impeccabile l’immagine finale dell’abito non dimenticando, che essa deve essere preziosa ma anche sensuale.
E’ bene, dunque, presentarsi alla seconda prova dell’abito con la lingerie giusta, molti atelier offrono anche un’ottima selezione di capi, che possono soddisfare le richieste più particolari.

Ci sono però delle regole che non possono essere trascurate: come ad esempio, scegliere un reggiseno o un body o un paio di slip, che lascino libertà di movimento, che donino un’ottima vestibilità, che siano privi di cuciture evidenti, in modo che non segnino l’abito soprattutto se è molto aderente.

Un bel reggiseno con coppe ben disegnate ma senza troppi rinforzi, può essere indicato per mettere in risalto una bella scollatura. Gli slip, devono essere sempre con gli elastici piatti, devono avvolgere ma possono essere anche essere sgambatissimi, per lasciare liberi fianchi e glutei, in presenza di abiti superaderenti.

Possono essere in materiali morbidi, seta o microfibra. Per i colori, non c’è molta scelta: il bianco è quasi d’obbligo come l’effetto nudo oggi molto in voga.

Le scarpe
Esse rappresentano un dettaglio molto importante. Questo tipo di accessorio (è fondamentale per la perfetta armonia di stile che deve poter creare con il resto dell’abito), è prevista un’ampia scelta anche forma del tacco che può essere a: cono, rocchetto, campana, cubano, e la punta, quadrata o arrotondata; ogni scelta può rivelarsi giusta in base al proprio gusto e al proprio stile anche se, occorre seguire alcune regole ben precise nella scelta.

Come prima cosa è da evitare il più possibile il tacco a spillo, ne guadagnerà anche la vostra schiena e soprattutto, i vostri piedi.

L’altezza del tacco deve essere stabilita in base alla statura dello sposo! Un abito lungo sta meglio se abbinato su tacchi alti, anche molto indicati quando la gonna è ampia.

Se scegliete di indossare scarpe molto alte, accertatevi che non vi facciano male, visto che la giornata sarà lunga e molto impegnativa.

Meglio fare qualche prova a casa camminando su è giù per le stanze al fine di abituare i vostri piedi a queste nuove scarpe, allargandole anche un po’.

Se non vi sentite di affrontare la fatica di indossare tacchi alti ma, volete essere comunque belle e slanciate, scegliete allora una scarpa con un tacco medio.

I guanti
Da abbinare all’abito da sposa, non sempre sono indispensabili, ma, in un matrimonio dal tono formale non devono mancare (dopo l’ingresso in chiesa, devono essere sfilati e appoggiati sull’inginocchiatoio davanti al bouquet).

Le calze
Per tradizione dovrebbero essere indossate, quelle velate e molto fini, che si avvicinino alla tonalità dell’abito e delle scarpe. Oggi, però la moda, permette di stare senza calze, avere un effetto nudo o non indossarle; il collant potrà essere anche invisibile. Chi si sposa nel periodo invernale, può scegliere calze più pesanti ma che non siano coprenti.
Alle calze con reggicalze o autoreggenti, è meglio scegliere collant che segnano molto meno (a meno che, non si decida di indossare un abito con gonna più ampia con il pregio di coprire di più e di segnare di meno i fianchi della sposa).
Si consiglia pertanto, di sceglierle in tessuto impalpabile, nella stessa nuances del vestito, in microfibra essendo così ben aderenti.

Meglio acquistarne due paia, in quanto indossandole o nel corso della giornata possano smagliarsi o lesionare.

Il cappello
Per la moda e secondo il galateo, è permesso di indossarlo se ci si sposa al comune, al contrario del velo, che può essere indossato solo per il matrimonio in chiesa.
Nel caso si scelga, questo tipo di accessorio però, occorre tener conto, che la sposa, deve avere sempre il volto ben visibile.

La borsa
E’ facile trovare una borsa piccola che può portare la sposa. E’ accessoria divertente e spiritosa anche se, e da evitare in chiesa: infatti, in questo luogo sacro, solo il bouquet deve risaltare tra le mani della sposa. L’unica eccezione prevista per indossare una borsina, è quella di indossarala per il matrimonio in municipio.
In essa la sposa può metterci: la trousse per il trucco, salviettine detergenti, fazzolettini di carta, calze di riserva.
Mentre per quanto riguarda tutte le altre cose che potrebbero servire alla sposa è bene che a custodirle e a portarle con sé siano la mamma, la sorella o una amica della sposa.

I gioielli
La sposa, nel giorno delle sue nozze, deve essere uno splendore, naturale e semplice, evitando perciò di adornarsi di altri gioielli o monili che possono risultare superflui nell’abbellire la sua figura o, troppo vistosi. Per questo, non dovrà indossare altri preziosi diversi dalla Fede nuziale con un unica eccezione, che è data dalla possibilità di fregiare il proprio anulare con un antico anello di famiglia che le potrebbe essere donato dalla futura suocera, qualche giorno prima del matrimonio.

Al giorno d’oggi, si è perduta questa tradizione, sono scomparsi i gioielli di famiglia ma è rimasta l’usanza da parte, della famiglia dello sposo, di far dono alla sposa di un gioiello che assuma il medesimo significato.

Esso può consistere, nel tradizionale “solitario”(un unico brillante fermato da graffe che mettono in risalto la lucentezza della pietra), o nella più moderna “veretta di brillanti” (anello in oro, incastonato con piccoli diamanti che si riconnettono).
Ma l’anello di fidanzamento non è l’unica scelta possibile, si può optare anche per altri tipi di gioielli, come parure complete di orecchini o bracciali.

Si consiglia di evitare le perle che, simboleggiano lacrime ed affanni, meglio non indossarle in un giorno così bello.

Da evitare dunque che la sposa indossi altri gioielli o monili a cui sia legata nella sua vita da nubile.

Per quanto riguarda girocollo e orecchini, non ci sono restrizioni; l’unica regola è che siano non vistosi: una sottilissima collanina in oro bianco o un filo di perle, con orecchini a bottoncino in perla o brillantino che si abbinino al girocollo vanno più che bene.