Il nostro cervello è ormai arrivato al massimo della sua intelligenza, e non potrà andare oltre. A sostenerlo il neurobiologo di Cambridge, Simon Laughlin in un articolo pubblicato qualche giorno fa sul Sunday Times nonché nel suo libro “Work meet life”.

Il cervello, pesa un chilo e mezzo, in esso è racchiusa tutta la nostra capacità di apprendere cose nuove, di conoscere e memorizzare, ma non potrebbe svilupparsi oltre.

Laughlin, infatti, ritiene che dopo milioni di anni di evoluzione umana, la nostra materia grigia sia al limite, dopo aver superato due barriere.

La prima si riferisce alla riduzione delle dimensioni dei neuroni e delle sinapsi, mentre la seconda riguarda il peso del cervello, che nonostante tutto è solo al 2% del nostro peso complessivo.

Esso, consuma il 20 per cento di energia, e viene considerato un limite invalicabile.

Un pensiero su “Cervello umano: al limite massimo della sua evoluzione”
  1. Sono un semplice lettore , credo che la massima creatività del cervello di un singolo essere umano sia stata raggiunta nel periodo in cui vissero Leonardo Da Vinci, Michelangelo e altri che tutti conosciamo. Successivamente i fari che hanno illuminato il cammino buio e tortuoso della conoscenza sono degli specialisti in singole branche scientifiche. Se è vero che il cervello umano ha raggiunto il limite massimo del suo livello biologico evolutivo forse resta una sola strada per progredire : il collegamento di più cervelli (homo gestalt…..) Grazie per l’attenzione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.