La pulizia del viso è in genere eseguita dall’estetista, ma se si usano le dovute accortenze, può essere fatta anche in casa. La frequenza di una pulizia del viso accurata è quella di una volta al mese anche se, è fondamentale detergere, ogni giorno la pelle con cura, per eliminare le impurità.

Se eseguite una pulizia del viso domestica, seguite i seguenti passaggi:

1. Detersione profonda
2. Idratazione con vapore
3. Esfoliazione con lo scrub
4. Applicazione della maschera
5. Applicazione del tonico
6. Massaggio con una buona crema idratante

Il primo passo, è quello di un lavaggio con un detergente. Dopo aver sciacquato con acqua tiepida il vostro viso, il detergente deve essere applicato eseguendo dei movimenti circolari, massaggiando viso e collo. Dopo alcuni minuti di questa detersione profonda che deve sciogliere le impurità e i residui di trucco e grasso, dovete pulire delicatamente la pelle con batuffoli di cotone e risciacquare con acqua tiepida.

Passate poi al vapore. Serve ad idratare e ad ammorbidire la pelle, aprendo i pori per una migliore eliminazione del sebo in eccesso che può generare acne, brufoli e punti neri.

Fate bollire dell’acqua, mettetela in un recipiente o nel lavabo, e posizionate sopra il viso, coprendovi la testa con un asciugamano, sporgersi a circa 20 cm di distanza dall’acqua. Restare in questa posizione per circa 5 – 10 minuti e asciugarsi con un asciugamano morbido. Dopo il trattamento con il vapore, i brufoli e punti neri possono essere rimossi, coprendo le dita con della pellicola.

A questo punto, applicate una buona crema scrub, che contenga sostanze detergenti e microgranuli in grado di rimuovere le cellule morte causa dell’opacità della pelle. Dopo il trattamento scrub, il viso apparirà più morbido e levigato.

Gli scrub devono essere applicati dopo aver inumidito il viso con acqua calda, massaggiando delicatamente le parti più ruvide, con la punta delle dita. Questi movimenti circolari devono essere ripetuti per circa 1 – 2 minuti, evitando invece il contorno occhi, dove la pelle è più delicata.

Risciacquate dunque con acqua tiepida. Passate poi ad una maschera. Essa deve essere scelta in relazione al proprio tipo di pelle. Per quella grassa, sarà meglio optare per una maschera a base di argilla. Per quella normale o secca, bisognerà scegliere invece una maschera idratante con olio di jojoba o mandorle dolci.

Le maschere devono essere tenute per circa 15 – 30 minuti seguendo le istruzioni riportate sul prodotto.

Un’applicazione giusta della maschera sulla pelle pulita e rilassata, si ottiene mettendosi distese, applicando sugli occhi le fette di cetriolo o impacchi freschi per rilassare il contorno occhi.

La maschera va, infine, tolta con acqua calda alternata da spruzzi di acqua fredda. Ciò contribuirà a richiudere i pori della pelle pulita e rinfrescare il viso. Asciugare la pelle con un panno morbido e pulito.

Il penultimo passaggio, prevede l’impiego del tonico, che spesso viene trascurato, mentre serve a rinvigorire la pelle.

Se la pelle del viso è secca, sarà meglio scegliere un tonico delicato e senza alcool. Il tonico deve essere passato su ogni parte del viso con un batuffolo di cotone, prestando più attenzione alle zone grasse: mento, fronte e naso.

Infine, l’applicazione di una crema idratante renderà la pelle liscia e reidratata dopo il lungo trattamento di pulizia eseguito. Massaggiate lentamente, con movimenti circolari ogni parte del viso, questo serve a far aumentare la circolazione sanguigna che restituisce una carnagione luminosa e ben asciutta.

State attente, al contorno occhi, questo, va trattato appositamente con una crema adatta, applicata delicatamente e con piccoli colpetti dell’anulare. L’azione di piccoli tocchi svolge una funzione di digitopressione intorno agli occhi che allevia il gonfiore delle palpebre e previene le occhiaie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.