Gli esercizi fai da te per rassodare l’interno braccia

a cura di Giovanna Manna
data pubblicazione 12 Set 2011 alle ore 8:40am


Se provate a muovere braccia e busto impugnando dei pesi vedrete che raddoppierete l’efficacia degli esercizi per rassodare l’interno braccia e conseguentemente, migliorare anche l’azione rimodellante sugli arti superiori.

Se vi trovate in vacanza al mare, su di un lago o al fiume, cercate allora delle pietre con una superficie omogenea e liscia e usatele, impugnandole mentre fate ginnastica.

Bastano appena 20 minuti al giorno per rassodare le braccia. Se non riuscite a trovarle, comprate allora dei pesi o adoperate delle bottigliette di acqua minerale, andranno bene comunque e potrete raggiungere ugualmente gli stessi risultati.

Ricordatevi però di respirare con il diaframma mentre eseguite questi esercizi, stando molto attente all’aria che entra ed esce, gonfiando e sgonfiando la pancia. In quanto modo, potrete bruciare i grassi.

Esercizio 1

Stando in piedi, con le gambe leggermente divaricate e flesse e le braccia distese, impugnate le pietre, i pesi o le bottigliette, e disegnate nell’aria dei piccoli cerchi in senso orario e antiorario. Fate 2 serie da 15 movimenti.

Esercizio 2

Sempre stando in piedi, con le gambe divaricate alla larghezza delle spalle e appena flesse, con le braccia distese verso l’alto, fate dei piccoli movimenti circolari in senso orario e antiorario. Eseguite 2 serie da 15 movimenti alternati.

Esercizio 3

Ancora in piedi con le gambe divaricate alla larghezza delle spalle e flesse, ma con le braccia distese in avanti, eseguite dei piccoli cerchi in senso orario e antiorario. Effettuate dunque 2 serie da 15 movimenti alternati.

Esercizio 4

In piedi con le gambe poste alla larghezza delle spalle e leggermente flesse, con il busto in avanti e le braccia distese in orizzontale, portate i gomiti indietro e poi in avanti. Fate 3 serie da 10 movimenti.

Esercizio 5

Restando in posizione eretta, con le gambe sempre alla larghezza delle spalle e un po’ flesse, piegate il busto in avanti e formate un angolo di 90 gradi; poi con le braccia distese verso il basso, apritele e chiudetele ripetutamente, effettuando 3 serie da 10.

Esercizio 6

Continuate stando in piedi, piegate ora le gambe fino ad appoggiare le pietre, pesi o bottigliette per terra e senza alzare i talloni; distendete le gambe piano riprendendo ciò che avete posato. Eseguite 3 serie da 8 flessioni.

Esercizio 7

Unite i piedi, e con i pesi da voi scelti, fate scivolare la mano destra sulla coscia destra e poi la mano sinistra su quella sinistra. Ripetete 3 volte con movimenti da 20.

Esercizio 8

Impugnate adesso una sola pietra, bottiglietta o peso, stando sdraiate a terra a pancia in su; con le braccia distese verticalmente. Portate la pietra, bottiglietta, o peso dalla mano destra alla sinistra e viceversa, facendo ruotare il busto. Fate 3 serie da 16 rotazioni ciascuna.

Esercizio 9

Impugnate di nuovo la pietra, sdraiatevi a terra con la pancia in su, con le gambe appena divaricate e le braccia distese all’indietro; portatela con la mano destra in mezzo alle gambe e poi riafferratela con la sinistra; rieseguite la sequenza da sinistra a destra, per un totale di 3 serie da 10 movimenti alternati.

Esercizio 10

In ultimo, camminate a passo veloce con le pietre in mano per circa cinque minuti, senza fermarvi.

Questi esercizi e la camminata veloce, o la corsa, se eseguiti tenendo in mano dei pesi riescono ad apportare al corpo uno sforzo in più, facendo sì che il metabolismo possa accelerare e l’adipe essere smaltito maggiormente.