Contagio e sintomi dell’influenza causata da virus para-influenzali

a cura di Giovanna Manna
data pubblicazione 09 Ott 2011 alle ore 7:10am


In questi giorni, gli sbalzi di temperatura che stanno interessando il nostro Paese, stanno causando non pochi sintomi generati da virus para-influenzali.

Quelli più tipici sono sicuramente quelli del raffreddore ovvero: mal di gola, naso che cola e tosse, ma non si escludono anche altri.

Sebbene, non si tratti ancora dell’influenza stagionale, questi sintomi para-influenzali, non vanno comunque trascurati.

Cosa fare allora per evitare brutte complicazioni soprattutto se si è in presenza di soggetti a rischio? Vediamo allora come avviene il contagio.

Come prima cosa, è bene sapere che la fonte di contagio è rappresentata innanzitutto dalle secrezioni respiratorie, ma il processo di trasmissione può verificarsi tramite le microgocce di saliva che rimangono sospese nell’aria quando starnutiamo e che possono trasmettere le infezioni che interessano le vie respiratorie.

In questo periodo i sintomi dell’influenza sono più leggeri, ma è importante comunque evitare il raffreddamento, in quanto diventa il veicolo dei virus influenzali.

Un virus tipicamente autunnale, parainfluenzale è l’Hpiv-1, a cui si aggiunge anche l’Hpiv-2. Essi si manifestano soprattutto con tosse e difficoltà respiratoria.

Per evitare l’influenza 2011 è fondamentale la prevenzione attraverso il vaccino, ma secondo quanto hanno annunciato gli esperti, sarebbe ancora presto per vaccinarsi, in quanto l’influenza vera e propria dovrebbe farsi viva fra novembre e dicembre.