In un’intervista rilasciata al quotidiano “La Repubblica”, un 30enne pugliese, ammette che sabato scorso ha partecipato alla devastazione avvenuta a Roma durante la manifestazione degli indignati, spiengando dunque come sono andate le cose.

Queste le sue parole “Noi non ci siamo nascosti. Il Movimento finge di non conoscerci. Ma sa benissimo chi siamo. E sapeva quello che intendevamo fare. Come lo sapevano gli sbirri. Lo abbiamo annunciato pubblicamente cosa sarebbe stato il nostro 15 ottobre. Ora i capetti del Movimenti fanno le anime belle. Ma è una favola. Mettiamola così, forse ora saranno costretti finalmente a dire da che parte stanno. Ripeto: tutti sapevano cosa volevamo fare. E sapevano che lo sappiamo fare: perché ci prepariamo da un anno”.

Poi continuando ha dichiarato “Abbiamo fatto il master in Grecia. Per un anno una volta al mese siamo partiti in traghetto da Brindisi con biglietti di posto ponte, perché non si sa mai che a qualcuno viene voglia di controllare. E i compagni ateniesi ci hanno fatto capire che la guerriglia urbana è un’arte in cui vince l’organizzazione. Un anno fa avevamo solo una gran voglia di sfasciare tutto. Ora sappiamo come sfasciare. A Roma abbiamo vinto perché avevamo un piano, un’organizzazione. Eravamo divisi in 2 falangi: i primi 500 si sono armati a inizio manifestazione e avevano il compito di devastare via Cavour. Altri 300 li proteggevano alle spalle per evitare che il corteo potesse isolarli. La sera di venerdì avevamo lasciato un ducato bianco all’altezza degli archi che portano in via Sannio. Dentro quel Ducato avevamo armi per vincere non una battaglia, ma la guerra. Il resto delle mazze e dei sassi lo abbiamo recuperato nel cantiere della metropolitana in via Emanuele Filiberto”.

Infine il black bloc, ammette di aver partecipato anche agli scontri in Val di Susa a luglio scorso annunciando “Vi do una notizia. Non è finita”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.