La propoli si sa, è una sostanza resinosa che viene elaborata dalle api, capace di isolare e proteggere l’alveare. Ebbene, sono note, da sempre, le sue proprietà benefiche, che vengono sfruttate nella medicina popolare per curare principalmente, i malanni del freddo.

Oggi, però, si scopre, che la propoli è in grado di arrestare anche la crescita dei tumori. Un risultato questo, che è emerso nel corso di uno studio pubblicato su Cancer Prevention Research, che mostra gli effetti benefici di tale estratto a base di estere feniletilico dell’acido caffeico (o CAPE) sul cancro della prostata.

Il gruppo di scienziati, che ha condotto la ricerca, ha scoperto che alimentando i topi con il CAPE, il tumore alla prostata si è significamente ridotto.

Sembra infatti, che nutrendoli ogni giorno con il CAPE, i loro tumori avrebbero smesso di crescere. E dopo parecchie settimane, interrompendo il trattamento, il tumore abbia mostrato una crescita al suo ritmo originale. A spiegarlo è Richard B. Jones autore dello studio.

Tale test è durato 6 settimane mostrando che i topi con il cancro della prostata umano avevano una riduzione della crescita del volume del tumore pari alla metà.

Per questo, i ricercatori pensano che questa attività, sia in grado di bloccare la divisione cellulare. Da qui, dunque, la possibilità di tenere a bada la crescita del tumore in modo da poterlo trattare con le cure tradizionali e avere maggiori probabilità di successo.

Terapia questa naturale, che potrebbe rivelarsi molto utile nella cura dei tumori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.