Al via CiaO’Scià: Claudio Baglioni e i suoi ospiti a Lampedusa in segno di solidarietà

a cura di Giovanna Manna
data pubblicazione 27 Set 2012 alle ore 7:00am


Claudio Baglioni e la Fondazione O’Scià, danno il via stasera alla 10^ edizione di O’Scià a Lampedusa sulla spiaggia della Guitgia, che quest’anno è stata battezzata con il nome di CiaO’Scià.

Una tre giorni, di musica e spettacolo (dal 27 al 29 settembre) per un’edizione davvero speciale.

Per la prima volta, infatti, i dodici grandi artisti che si alterneranno sul palco della Guitgia: Alessandra Amoroso, Claudio Baglioni, Gigi D’Alessio, Pino Daniele, Pino Insegno, Luciano Ligabue, Litfiba, Fiorella Mannoia, Neri Marcorè, Giorgio Panariello, Massimo Ranieri, Giuliano Sangiorgi, daranno vita, non a brevi partecipazioni, ma concerti e spettacoli veri e propri, una formula dunque nuova, per dare ancora più profondità e incisività a chi unisce la propria voce a quella di O’Scià.

Nessuno – ha detto Baglioni in un’intervista – in questi dieci anni, se n’è andato da Lampedusa così com’era arrivato. Non la gente di qui, non le migliaia di amici venuti da fuori, non quanti hanno collaborato all’organizzazione e nemmeno gli artisti. O’Scià è cresciuta ed è cambiata insieme a loro e grazie a loro, e loro sono cresciuti e sono cambiati insieme e grazie ad O’Scià e CiaO’Scià è il nostro modo di dire grazie a tutti per il significato e il valore di questa crescita e per essere stati e continuare ad essere ambasciatori del messaggio di O’Scià nel mondo“.

Inoltre, nella giornata di ieri, ci sono stati due importanti momenti di CiaO’Scià:

– “Passa!”: il simbolo dell’incontro tra bambini di terre diverse, con storie diverse e lingue diverse, ma con lo stesso sogno, ovvero l’amore per il pallone e il fascino di giocare insieme la grande partita dell’amicizia”. Il primo Torneo di calcio giovanile del Mediterraneo, disputato alle 14.00, sul campo “Beato Pier Giorgio Frassati” di Lampedusa che ha visto confrontarsi quattro squadre di bambini U (tra i 10 e i 12 anni), quella dei Rom provenienti da Roma organizzata dall’Associazione Sportiva Dilettantistica Ercolini dell’Aquila, quella di Linosa e le due squadre di Lampedusa organizzate dall’Associazione Sportiva Dilettantistica Polisportiva Lampedusa Libera e dall’Associazione Sportiva Dilettantistica Sporting Lampedusa.
– “Lo sport” (come ha detto Baglioni) somiglia al mare: e sembra che divida e invece unisce, ci fa incontrare e conoscere, ci insegna il valore delle regole e la bellezza di giocare insieme.

O’Scià grazie ad un importante lavoro e collaborazione tra la neonata O’Scià Onlus, Nazionale Italiana Cantanti, Esaote, Ministero della Salute e Assessorato della Salute Regione Siciliana, donerà all’isola di Lampedusa la prima apparecchiatura per la risonanza magnetica Whole Body: si tratta di Airis Vento LT 0.3T, un tomografo a risonanza magnetica ad architettura “open” di ultima generazione, dotato di un sistema a corpo intero (whole body) di elevate prestazioni (prodotto dalla Hitachi Medical Corporation e commercializzato in Italia da Esaote) che costituirà la base del nuovo presidio sanitario di Lampedusa e Linosa.

Ora grazie a questa nuova apparecchiatura, per la prima volta, la popolazione della Pelagie potrà sottoporsi ad importanti esami diagnostici senza essere costretta a lasciare le isole.

C’è da dire poi, che l’evento di quest’anno nasce anche grazie alla disponibilità degli albergatori dell’isola, che hanno offerto gratuitamente, alcune stanze delle loro strutture per gli artisti che prenderanno parte alla manifestazione; in quanto il budget dell’anno in corso per O’Scià è molto ridimensionato rispetto agli anni scorsi.