Addio Larry Hagman, indimenticabile J.R. di Dallas

a cura di Lorenza Teti
data pubblicazione 25 Nov 2012 alle ore 1:33pm

“Non se ne è andato via solamente un attore, ma anche un pezzo d’America”.

Con queste parole Barbara Eden, la celebre Jeannie di “Strega per amore”, vuole ricordare l’amico e partner televisivo Larry Hagman, scomparso lo scorso 23 novembre a 81 anni a causa di un cancro al fegato di cui era già da tempo malato e con cui combatteva sin dagli anni 90.

Sicuramente se ne va una delle icone televisive dell’ultimo cinquantennio. Se il massimo della notorietà Hagman lo raggiunge indossando i panni del perfido petroliere J.R. nella fortunatissima serie tv “Dallas”, diventata ormai un cult, è anche vero che l’attore statunitense fino a quel momento ha ricoperto numerosi ruoli che già l’hanno fatto conoscere al grande pubblico, tra cui quello del maggiore Anthony Nelson nella celebre sit-com “Strega per amore”, andata in onda con successo negli anni ’60.

Figlio di un’attrice di Broadway, Hagman si avvicina al mondo dello spettacolo sin da bambino, recitando soprattutto a teatro insieme alla madre e girando l’Europa. Produttore, oltre che attore, di spettacoli teatrali, tra il 1965 e il 1970 ricopre il primo ruolo importante in “Strega per amore” insieme alla Eden, dopo aver già ottenuto un certo successo in tv con la soap opera “Ai confini della notte”. Da lì in poi è un’escalation culminata con l’interpretazione del celeberrimo magnate texano J.R. in “Dallas” a partire dal 1978 fino al 1991, per poi tornare a rivestire i panni del cattivo televisivo per eccellenza lo scorso anno nel sequel della serie tv che negli Stati Uniti ha enorme successo (in Italia, invece, canale 5 interrompe la programmazione alla seconda puntata a causa dello scarso audience).

Non solo tv, però, per Larry che recita anche al cinema con attori del calibro di Joan Collins, Marlon Brando, Henry Fonda, Gene Hackman. Costretto a fermarsi per un lungo periodo negli anni ’90 quando gli sono diagnosticati una cirrosi epatica di natura alcolica e in seguito un cancro al fegato, si sottopone a un trapianto di fegato per poi tornare sulle scene con il film “Il terzo gemello”, basato sull’omonimo best-seller di Ken Follett, e “I colori della vittoria” di Mike Nichols insieme a John Travolta ed Emma Thompson.

Recita nuovamente in alcune serie tv, tra cui “Desperate Housewives”, fino a tornare alle origini, ovvero al già citato sequel di “Dallas”.

Sulla Walk of fame di Hollywood campeggia la sua stella che ora brillerà anche in cielo. RIP indimenticabile J.R.