Nel pomeriggio di ieri si è chiuso il referendum in cui i dipendenti dell’Ospedale San Raffaele di Milano dovevano votare per approvare o meno l’accordo che avrebbe permesso di evitare 244 licenziamenti, ma purtroppo a prevalere sono stati i “no” rendendo quindi ormai prossima la riduzione del personale.

Da diverse settimane i lavoratori di questo ospedale vivono nell’incertezza sul loro destino. In sindacati, però, sono in trattativa da tempo con la proprietà per riuscire a risolvere la questione nel miglior modo possibile.

La scorsa settimana, sembrava esserci stata una svolta, grazie all’accordo ottenuto presso il Ministero del Lavoro a Roma che avrebbe permesso di evitare i licenziamenti previsti, anche se si sarebbero dovuti fare dei sacrifici, e per questo si è pensato di mettere in atto un referendum.

Ebbene nella giornata di ieri, le urne che erano aperte da sabato si sono chiuse con un prevalere di “no” e quindi dai primi di febbraio, dovrebbero partire i licenziamenti le cui lettere sono già pronte.

I voti contrari sono stati così 1.365, contro 1.110 favorevoli; 11 le schede bianche e 66 le nulle.

Domani i sindacati saranno di nuovo a Roma nella sede del ministero del Lavoro dove, secondo la volontà espressa dai lavoratori, sanciranno il ‘mancato accordo’.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.