Beppe Grillo chiede ad Al Qaida di bombardare la Camera

a cura di Giovanna Manna
data pubblicazione 03 Feb 2013 alle ore 10:08am


Beppe Grillo in piazza a Bologna ha attaccato prima il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano reo – secondo lui – di aver silenziato il caso Monte dei Paschi di Siena.

E rimanendo sempre sullo stesso argomento Grillo si è poi scagliato contro il Partito Democratico, dicendo: “‘E’ uno scandalo pazzesco: tutto il Pd c’è dentro“. E riferendosi al presidente della banca Francesco Profumo ha detto: “Chi è questo? Uno che ha mangiato pane e Pd tutta la vita“.

Ed infine ha fornito delle coordinate Gps, alludendo ad una “ridente cittadina, un po’ più a Sud di Bologna: Roma” invitando così Al Qaeda, in caso di rappresaglie per la guerra militare in Mali, a indirizzare lì i propri missili.

Ed al terrorista islamico che volesse qualora rispondere alla missione franco-alleata suggerisce un obiettivo alternativo: “Le coordinate sono, per la precisione quelle della Camera e poi rivolgendosi agli ipotetici terroristi dice: “ma fatelo prima del 25 febbraio sennò finisce che ci prendiamo anche noi“.