Isole Salomone, scossa sismica e tsunami

a cura di Silveria Conte
data pubblicazione 06 Feb 2013 alle ore 4:47pm

Una scossa sismica di magnitudo 8 della scala Richter ha colpito nelle scorse ore la parte orientale delle isole Salomone, nell’Oceano Pacifico meridionale. Si è verificato a circa 50 chilometri a ovest di Santa Cruz, nella provincia di Temotu, alle 12:12 ora locale (le 2:12 in Italia).

 Il sisma – seguito da un’onda anomala di 90 centimetri d’altezza che ha raggiunto le coste delle Salomone – ha causato la morte di 5 persone, tra cui un bambino, secondo quanto riferito dai responsabili dell’ospedale di Lata, nella provincia di Temotu, dove sono stati trasportati i feriti.

Distrutte decine di abitazioni di alcuni villaggi colpiti. I danni più gravi sono stati segnalati nei villaggi delle isole di Santa Cruz.

 

 

Sei forti repliche di magnitudo tra 5.2 e 6.6 sono state avvertite nella zona interessata subito dopo il sisma. A seguito della scossa è stato lanciato l’allarme tsunami per Papua Nuova Guinea, Nuova Caledonia, Fiji, poi revocato.

 

 

In allerta tsunami anche il Giappone dopo il forte sisma nel Pacifico: la Japan Meteorological Agency (Jma) aveva detto che c’era da aspettarsi l’arrivo di un onda anomala, alta fino a 50 centimetri, sulle coste orientali del Giappone. E così è stato, solo che l’onda più alta ha raggiunto i 40 cm ed è stata registrata sull’isola Hachijojima, circa 300 km a sud di Tokyo. Per precauzione le autorità avevano comunque fatto le scuole delle zone costiere.