Anche il ministro Vittorio Grilli, nel corso del G20 che si sta tenendo a Mosca, ha gettato acqua sul fuoco parlando della cosiddetta “guerra delle valute“, accesa in seguito al deprezzamento dello yen.

A suo dire non ci sarebbe però alcuna guerra in corso, ma semplicemente degli “effetti dei cambiamenti di impostazione macroeconomica nazionale“.

Il ministro delle Finanze italiane, fermato dalla stampa italiana, si e espresso dunque su un aspro dibattito in seno al summit, che riguarda appunto quello dei cambi.

Così dopo una lunga riunione notturna, che ha coinvolto i vari membri del club allargato, Grilli ha fatto riferimento alla polemica sulle valute, già definita da Draghi un “chiacchiericcio“.

Secondo Grilli, infatti, non si tratterebbe di “interventi specifici di cambi ma solo di riaggiustamento dei valori di cambi a nuove evoluzioni macroeconomiche nazionali“.

Aggiungendo anche: “Spero che col G20 si ribadiscano quei principi generali e importantissimi che sono già stati espressi nel comunicato del G7“.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.