Per il cardinale Giovanni Battista Re, “gli otto anni di Benedetto XVI rimarranno nella storia” e il Papa ora emerito deve essere considerato “un protagonista del pensiero e della coscienza“.

Così il prefetto emerito della Congregazione per i vescovi (il cui incarico è stato mantenuto fino al 30 giugno 2010), rilascia un’intervista ad Avvenire, una sua riflessione sul pontificato di Papa Benedetto XVI, appena concluso.

Non sono ancora passate 24 ore, dall’inizio della Sede vacante. Il pensiero del cardinale Re è rivolto soprattutto a Benedetto XVI e alla “grande eredità spirituale che ha lasciato”.

Intanto, però, sono state inviate le lettere del cardinale Sodano, il decano del collegio, per convocare i porporati, lunedì 4 marzo, alle Congregazioni generali pre-Conclave. E’ sempre più probabile, infatti, che il Conclave per eleggere il nuovo Papa si apra, nella segretezza della Cappella Sistina, l’11 marzo, anche se padre Lombardi ha precisato che su questa data non si può essere certi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.