Sono tre i musei, tre le opere, tre le vicende e tre i narratori d’eccezione. Questo in sostanza è racchiuso nel progetto Raccontami una storia, nato a Bologna con lo scopo di far vivere i musei non solo come contenitori artistici ma anche documentativi.

Infatti a partire dal 14 marzo alle Collezioni comunali d’arte di Palazzo d’Accursio ci è stato il primo dei tre appuntamenti nato anche grazie alla collaborazione con il Laboratorio delle Idee, Pinacoteca Nazionale, Musei Civici d’Arte Antica, Museo Civico Archeologico e Unipol Banca.

In questa data, la danzatrice Valeria Magli, si è avvicendata fisicamente al dipinto Ritratto di giovane dama (1635 circa di Carlo Ceresa), leggendo la storia nella quale si racconta della dama con lo scorpione, dove una gentildonna convoca un acclamato ritrattista per commissionargli il proprio ritratto.

Il prossimo appuntamento è l’11 aprile alle ore 18 presso la Pinacoteca Nazionale di Bologna con lo sceneggiatore Michele Cogo; ed infine il 16 maggio sempre alle ore 18 presso il Museo Civico Archeologico di Bologna, con la somellier e blogger di cucina Chiara Maci.

Il primo leggerà Una volta l’anno, il racconto che si ispira alle suggestioni della bellissima collezione di monete antiche del museo, mentre la Maci, ha scelto di leggere una lettera per raccontare i sentimenti nascosti, ispirata dal Ritratto della madre Ginevra Pucci, 1610/1612 di Guido Reni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.