Carne di cavallo: positivi 93 campioni su 454, no all’uso di farmaci

a cura di Giovanna Manna
data pubblicazione 16 Apr 2013 alle ore 12:13pm


Dai prelievi eseguiti dai Nas su 454 campioni prelevati in prodotti commercializzati ed etichettati come contenenti carni bovine (carni macinate, prodotti a base di carne, ecc) 93 di essi sono risultati positivi alle analisi, facendo emergere la presenza di carne equina con una percentuale superiore all’1%, che doveva essere dichiarata. In nessun campione, è stato invece trovato l’antinfiammatorio fenilbutazone.

Questi sono i dati che sono stati trasmessi nella serata di ieri dal Ministero della Salute alla Commissione europea.

Secondo quanto riportato da una nota, si legge che ”Il Ministero è intervenuto sia tramite una capillare attività straordinaria di controllo condotta su tutto il territorio nazionale dai Carabinieri per la Tutela della Salute (NAS), sia attraverso la rete del Servizio Sanitario Nazionale con un’intensificazione dell’ordinaria attività di vigilanza e controllo sulle carni di equidi di provenienza nazionale ed estera”.

E circa la ricerca di fenilbutazone sono stati analizzati ben 323 campioni di muscolo equino e 51 campioni di sangue.

La commissione UE pubblicherà, inoltre oggi, i risultati di tutti gli Stati membri.