Come fare il cambio di stagione in 5 mosse

a cura di Giovanna Manna
data pubblicazione 22 Apr 2013 alle ore 10:52am


Se non possedete una bella cabina armadio, ad ogni stagione, rischiate di impazzire, se non siete ben organizzate con il cambio di stagione nell’armadio.
Giacché si tratta di un’attività che vi porterà sicuramente via un po’ di tempo, organizzarla al meglio è la cosa migliore. Ecco, allora, come fare un cambio di stagione in soli 5 mosse.

1. Cosa procurarvi
Procuratevi qualche scatola, un pennarello, e perché no anche un po’ di musica da ascoltare. Vi renderà il tutto più piacevole. Le scatole: ne occorrono almeno 3, in una dovete riporre le cose che non indossate più (e che potete buttare o regalare), in alternativa prendete dei sacchetti di plastica. In un altra, riponete le cose da lavare prima di conservarle, e nell’altra sistemate i vestiti che riprenderete solo alla prossima stagione. Scrivete con un pennarello il contenuto di ogni scatola così siete certe che non potrete confondervi.

2. Pulite l’interno degli armadi
Prima di sistemare l’abbigliamento è buona norma pulire l’interno degli armadi e dei cassetti, magari foderandoli con della carta nuova, posizionandovi dentro l’antitarme e mettendo al loro interno qualche sacchetto profumato, ottimo quello alla lavanda.

3. Provatevi i vestiti
Prima di sistemarli nell’armadio, conviene provare i vestiti per capire se vanno ancora bene e se sono ancora di moda. In entrambi i casi è sempre inutile occupare dello spazio se poi non li indosseremo più. Meglio, pertanto, disfarsene, oppure se ci siamo particolarmente affezionate, o speriamo di perdere qualche chilo, possiamo sempre conservarli per metterli più avanti, e quindi riporli da parte. Oppure, possiamo recuperarli con qualche piccolo accorgimento, facendo qualche piccolo aggiusto, o rivisitandoli con l’aiuto di una sarta.

4. Fateli arieggiare
Fate arieggiare il vostro abbigliamento prima di metterlo nell’armadio, se gli indumenti non si usano da parecchio, possono odorare di chiuso, di muffa e di fumo. Appendete i capi al filo stendibiancheria con le loro stesse grucce.

5. Ordinateli per tipologia
Man mano che riponete il vostro vestiario, cercate di ordinarlo per tipologia. Le giacche, ad esempio, devono andare tutte da una parte, stessa cosa vale per pantaloni, gonne, ecc. Se volete essere più organizzate potete rivestire con sacchetti di nylon trasparente (tipo quelli usati dalla lavanderia) i capi più delicati, utilizzate più volte grucce evitando di sovrapporre gli indumenti, a meno che non siano dei completi o degli abbinamenti particolari che volete fare per non perdere tempo quando li andrete ad indossare. Le borse, le cinture, e gli altri accessori teneteli da parte. Per le prime, esistono dei particolari appendini di stoffa da poter attaccare alla asta dell’armadio lungo i quali potrete adagiare tutte le vostre cinture. Lo stesso vale per la bigiotteria, ci sono in commercio, in alternativa dei graziosi cofanetti porta gioie, e per le scarpe? Se l’armadio è molto capiente potrete lasciare ogni paia nelle scatole di acquisto, oppure procurarvi una bella scarpiera, da mettere in camera, o in qualche altro angolo della casa, in modo da sistemarle li dentro, riponendo su un ripiano quelle invernali, e su di un altro quelle estive. Se poi avete in casa più spazio, potete anche comprarne due in modo da tener completamente separate le calzature invernali da quelle estive.

E se avete famiglia, naturalmente vi toccherà fare lo stesso lavoro per i figli e per il compagno.